Dopo la tendenza diffusasi negli ultimi decenni in Giappone anche in Cina arrivano gli alberghi a capsula. Il primo ad aprire è stato lo Space Capsule a Taiyuan, nella provincia dello Shanxi e ha già conquistato il nuovo turismo giovane che sta invadendo l'Oriente: si dorme in pod minuscoli ma ad un prezzo molto conveniente.

Capsule da 4,3 metri per 6,6 metri, ecco le dimensioni delle stanze del nuovo Space Capsule, un edificio di 5200 metri quadrati composto da 86 capsule in fibra di vetro. Ogni capsula porta il nome di un segno zodiacale e di una costellazione proprio per richiamare in tutto la simbologia dello spazio. Ogni capsula, oltre ad comodo letto, dispone di un televisore, prese di corrente, wifi, rilevatori di fumo, uno specchio, un appendiabiti e una mini scrivania da computer. E se il vostro timore è quello di avere un vicino troppo rumoroso, non preoccupatevi: lo space capsule propone capsule insonorizzate proprio per coloro che tendono a russare di notte.

E chi dice che piccolo non può essere bello: i pod dello space capsule hanno già conquistato i giovani viaggiatori alla ricerca di un soggiorno di una notte a prezzi accessibili. Perché alloggiare in una capsula d'albergo in Cina può costare meno di 7 £ (circa 10 dollari). Ogni capsula garantisce la privacy necessaria ma consente anche di entrare in contatto con i propri vicini di "stanza" per rendere più piacevole il soggiorno. La diffusione degli alberghi a capsula, già impostasi in Giappone, risponde ad una precisa esigenza di un nuovo turismo giovane, che preferisce visitare più posti durante una vacanza e usufruire di un posto letto a prezzi bassi, entrare in contatto con altri viaggiatori e stringere relazioni che possano essere di compagnia durante il viaggio ma anche dopo: ecco i viaggiatori del nuovo millennio.