Non ci sono impianti né elettricità all'interno dell'Hotel Ryugyong. Con i suoi 105 piani, 330 metri di altezza piramide, il grattacielo a forma di piramide a Pyongyang, in Corea del Nord doveva essere l'hotel più alto del mondo ma la sua costruzione è stata interrotta nel 1992, in seguito al crollo dell'Unione Sovietica, diventando l'edificio abbandonato più alto del mondo. Spesso soprannominato come l'Hotel del Destino, il progetto dello studio Baikdoosan Architects & Engineers è rimasto uno dei più grandi incompiuti della storia nonostante la sua struttura segni fortemente lo skyline della capitale della Corea del Nord.

L'edificio è composto da tre lati, da 100 metri di altezza e 18 metri di larghezza ognuno, che convergono in un pinnacolo. La struttura avrebbe dovuto ospitare cinque ristoranti girevoli e oltre 3.000 o 7.000 camere d'albergo (in base alle fonti differenti). Secondo la società egiziana Orascom Khaled Bichara che ha rivelato l'edificio, il Ryugyong avrebbe dovuto aprire nel 2009 ma non solo come hotel: il progetto oggi prevede anche la realizzazione di varie unità residenziali. Per decenni l'edificio, con la sua mole, ha segnato l'immagine della città di Pyongyang come un grande scheletro vuoto senza finestre, infissi, o raccordi, tanto che oggi risulta il più grande edificio abbandonato del mondo.

L'Hotel Ryugyong è sicuramente l'edificio più alto della Corea del Nord, ma dopo il 1992 i lavori di costruzione non sono mai stati finiti. A più riprese l'edificio ha visto vari interventi di finitura come nel 2008 il rivestimento vetrato dell'intera piramide, ma l'Hotel del Destino non sembra conoscere conclusione. La società egiziana Orascom che ha acquisito il progetto più volte ha manifestato la volontà di aprire l'albergo ma mancano ancora tanti interventi per vedere completata la struttura: si parla di oltre 2 miliardi di dollari per terminare il tutto.