Orologi, calcolatrici, riviste, mappe, torce, fino a qualche anno fa erano considerati oggetti irrinunciabili in qualsiasi casa o ufficio, ma oggi, sfido chiunque, a sapere con certezza in quale cassetto nascosto siano stati riposti. Un tempo era impensabile svegliarsi senza una sveglia sul comodino o viaggiare, visitare una città, senza acquistare una cartina geografica del luogo di destinazione. C'era un tempo in cui si girava il mondo e si inviavano cartoline da ogni luogo visitato, oggi basta una foto e una app specifica per un'immagine con dedica personalizzata da inviare a tutti gli amici senza spendere neppure un centesimo di francobollo o inchiostro. Se vi è mai capitato di assistere a qualche conferenza di recente, o qualche lezione universitaria, avrete sicuramente notato che i registratori sono spariti da scrivanie e mani di intervistatori determinati: lo smartphone ha sostituito tante funzionalità un tempo svolte da più oggetti. Anche nei servizi politici al telegiornale è sempre più frequente vedere spuntare qualche telefono tra i microfoni. I tempi stanno decisamente cambiano.

Ci siamo talmente abituati ad usare uno smartphone per qualsiasi cosa, dalla sveglia al navigatore, dalla calcolatrice alla bussola, che non facciamo più caso al fatto che tanti oggetti un tempo indispensabili oggi sono caduti completamente in disuso. Resta forse qualche baluardo anti-tecnologico, ma ormai, in giro per il mondo, è difficile trovare chi non sia stato contagiato dalla smartphone mania, anche tra i più anziani. Certo è comodo girare in tasca con un unico accessorio che svolge tante funzioni, e bene, anziché portare con sé tante cose anche pesanti. Bisogna però ammetere che è impossibile dimenticare certi oggetti che hanno segnato gran parte della nostra vita, così abbiamo deciso di ricordarli nella nostra gallery e chissà che a qualcuno non venga un po' di nostalgia.