Tra luglio e agosto 2014 il villaggio di Erriadh, sull'isola di Djerba è stato trasformato in un vero e proprio museo d'arte a cielo aperto: 150 artisti di strada provenienti da 30 diversi paesi del mondo sono stati invitati a decorare la zona con meravigliosi graffiti. Pareti, finestre, porte, portoni e tutte le superfici piane sono state ricoperte con una grande varietà di murales, molti dei quali sono stati ispirati dal ricco patrimonio di Er-Riadh, uno dei più antichi villaggi in Tunisia. Djerbahood è il nome dell'inziativa organizzata dall'artista Mehdi Ben Cheikh e la sua Galerie Itinerrance che ha richiamato artisti come BomK, Liliween, Shoof, Roa, C215, Faith47, Know Hope, Herbert Baglione, eL Seed e altri ancora.

Molte delle immagini traggono ispirazione dal villaggio e dalla sua ricca storia culturale. I pezzi sono dotati di soggetti locali in voga come piante, animali, e adattamenti di motivi artistici della regione. Ci sono grandi opere figurative, così come i disegni astratti che richiamano l'arte islamica tradizionale. Ogni opera d'arte ha lo scopo di richiamare l'attenzione sullo scenario tradizionale con la speranza di infondere a Er-Riadh nuova vita. Una volta conosciuta come "l'isola dei sogni," Djerba è oggi una delle più popolari destinazioni turistiche della Tunisia. Scenic Er-Riadh, però, è fuori dalla striscia turistica. Noto per La Ghriba, la sinagoga più antica dell'Africa, il villaggio è un luogo di pellegrinaggio importante e sede di una comunità multiculturale. Mehdi Ben Cheikh mirava a creare qui un nuovo crocevia culturale. "…I musulmani, cristiani ed ebrei hanno vissuto qui in pace per gli ultimi 2000 anni o giù di lì. Io non sono qui per aggravare chiunque, ma per consolidare questo aspetto, che trovo bellissimo, e insieme con la bellezza naturale del villaggio, fornire agli artisti una tela unica".

Il signor Ben Cheikh ha trascorso 10 anni a sviluppare un'organizzazione dedicata al lavoro degli artisti di strada. Era dietro Paris Tour 13, progetto dello scorso anno in cui 100 artisti provenienti da tutto il mondo hanno dipinto un edificio di 10 piani prima che venisse demolito. La più grande mostra d'arte collettiva di strada in Europa, Tour 13 ha avuto più di 25.000 visitatori durante il mese di esposizione. E siamo certi che Djerbahood avrà lo stesso successo e di più. "La Street Art è il movimento artistico più grande e unico nella storia a causa del suo impatto globale e la sua mancanza di dipendenza da istituzioni convenzionali, e il mio ruolo è quello di aiutarla a sviluppare e ad arrivare oltre i confini", ha detto il franco-tunisino Mr. Ben Cheikh in un'intervista al NY Times, "Stiamo portando l'arte di strada in piazza, dove può essere vista da tutti gratuitamente".