Da quando la Corea del Nord minaccia un attacco nucleare, tutti i paesi vicini e lontani temono una Terza Guerra Mondiale. Ha creato grande preoccupazione la recente notizia di lanci di missili nucleari in mezzo al mare da parte della Corea del Nord, nonostante il paese li abbia giustificati come test militari. Così non stupisce che nel mondo siano in aumento le vendite di rifugi antiatomici. Questa stato di emergenza non riguarda solo i più ricchi del Pianeta, la cui tendenza a fornirsi di bunker di lusso era già di moda da un po' di tempo, ma per molti altri cittadini nel mondo, specialmente in Giappone. Molti giapponesi stanno acquistando rifugi antiatomici e Seiichiro Nishimoto, CEO di Shelter Co. (società specializzata nella realizzazione di bunker, ha installato proprio sotto casa sua un rifugio per sopravvivere a qualsiasi attacco nucleare.

Le vendite di bunker in Giappone stanno aumentando. A testimoniarlo sono varie aziende che producono rifugi sotterranei: l'Oribe Seiki Seisakusho, con sede a Kobe, nel Giappone occidentale, ha affermato che generalmente in un anno riceve l'ordine per la costruzione di sei rifugi ma, dopo i test di missili nucleari della Corea del Nord e la recente tensione mondiale, la società ha ricevuto otto ordini solo nel mese di aprile. Un'altra società simile ha dichiarato di aver ricevuto di recente richieste di preventivi dieci volte superiori quest'anno rispetto agli anni passati.

Il rifugio antiatomico di Seiichiro Nishimoto è un'oasi nel sottosuolo. Gli interni sono arredati come un paese tropicale, con palme e cielo azzurro. Un fotografo Reuters ha immortalato questo rifugio, costruito sotto la casa di Osaka del CEO di Shelter Co. Il piano interrato è dotato di una porta anti-esplosione a tenuta d'aria, un purificatore d'aria anti-radiazioni, un'uscita d'emergenza in un tunnel, un contatore Geiger, un televisore, maschere antigas, e altri beni di prima necessità. Carta da parati che raffigura un cielo azzurro terzo, spiagge e palme, riveste tutto il rifugio, proprio per dare l'impressione agli abitanti di trovarsi in un luogo tropicale e non sotto terra. Il sistema di depurazione dell'aria depuratore può bloccare le radiazioni nocive e di gas. In Giappone, un rifugio simile per sei persone costa in media 620.000 yen (circa 5.600 euro) e un bunker per 13 persone costa 1,7 milioni yen (circa 15 mila euro).