Strade, industrie, aeroporti, ospedali: sono gli edifici dismessi e dimenticati dell'Italia incompiuta. Da Nord a Sud, regione per regione, la lista di occasioni mancate in Italia, di edifici industriali e non, vuoti e svuotati da tempo delle loro funzioni, dimenticati, è sempre più crescente. E raccontare il territorio attraverso gli edifici che hanno fatto la storia della nostra nazione è l’obiettivo del nuovo challenge fotografico “Edifici Dismessi” promosso da Instagramers Italia*: un progetto per valorizzare e trasmettere in maniera artistica, attraverso immagini di Instagram, il fascino degli edifici abbandonati del nostro Paese.

in foto: Edifici Dismessi– Area ex Saint Gobain a Caserta. Photo by @dmarzai.

Sono quasi seicento le grandi e piccole incompiute d'Italia, le opere inutili rimaste a metà o appena abbozzate. L'elenco è stato appena stilato dal ministero delle Infrastrutture e dei trasporti dopo aver ricevuto la documentazione presentata dalle Regioni ritardatarie, Sicilia e Sardegna, in seguito ad una norma voluta dal governo Monti che per la prima volta ha creato una grande anagrafe delle incompiute.  Nessuna regione d'Italia è esclusa in questo viaggio virtuale tra gli sprechi italiani.

C'era una volta l'ex distilleria di Ferrara… Photo by @estebansantiniin foto: C'era una volta l'ex distilleria di Ferrara… Photo by @estebansantini

Da mercoledì 19 marzo, per un mese, i luoghi dismessi che caratterizzano il nostro quotidiano saranno testimoniati attraverso foto sull’applicazione di Instagram e per l’occasione l'hashtag da utilizzare sarà #edificidismessi, in modo da avere uno sguardo complessivo e una rappresentazione unitaria di tutte le immagine raccolte dagli utenti e un quadro generale dell'Italia incompiuta.

Adagiato tra le colline della Brianza sorge il folle paese fantasma di Consonno. Una sorta di Las Vegas disneyana dimenticata e surreale con una storia tragica e al contempo incredibile alle spalle. Photo by@chiaraverganiin foto: Adagiato tra le colline della Brianza sorge il folle paese fantasma di Consonno. Una sorta di Las Vegas disneyana dimenticata e surreale con una storia tragica e al contempo incredibile alle spalle. Photo by@chiaravergani

"Edifici Dismessi" è un momento di riflessione sullo stato di abbandono di tutti quegli spazi che spesso fanno parte della nostra storia industriale ma anche del nostro patrimonio artistico culturale. Il progetto è volto anche a sensibilizzare anche al concetto di riuso sostenibile come risorsa al posto del consumo di nuovo suolo. “Con riferimento alla crescente domanda edificatoria ed alle trasformazioni demografiche ed infrastrutturali dei centri abitati, è divenuta critica la ricerca di una strategia globale di riutilizzo degli edifici rappresentativi o industriali dismessi, basata sulla lettura attenta ed interdisciplinare dei processi modificativi dell’ambiente costruito.” Biennale del restauro architettonico & urbano.

Uno dei capannoni dismessi nell'area ex magazzini di approvvigionamento delle Ferrovie dello Stato di Napoli Photo by @fr88nzin foto: Uno dei capannoni dismessi nell'area ex magazzini di approvvigionamento delle Ferrovie dello Stato di Napoli Photo by @fr88nz

Con #edificidismessi si intende cogliere l’incredibile incantesimo delle case abbandonate, delle vecchie fabbriche dismesse, dei teatri dimenticati e di tutti i luoghi splendidamente dimenticati d’Italia. L’obbiettivo è quello di rendere un luogo dimenticato un luogo di partecipazione, incontro e scambio secondo una modalità innovativa per questo settore: Instagram. Un viaggio tra storia e architettura.

Ville vesuviane a Napoli photo by @enzoix1in foto: Ville vesuviane a Napoli photo by @enzoix1

Attraverso l’uso della app Instagram qualunque utente avrà la possibilità di pubblicare sul proprio profilo una o più foto dell’edificio dismesso, corredata di luogo di ubicazione dello stabile, consigliate ma non obbligatorie informazioni riguardo al vecchio uso dell’edificio. Alla foto occorrerà poi aggiungere i tag del contest, #edificidismessi e #igersCittà. Gli utenti potranno partecipare anche inserendo i tag anche in foto già eventualmente presenti nella loro gallery. Le foto dovranno avere come soggetto solo edifici, palazzi abbandonati, chiese, industrie, città fantasma. Partecipare è semplice: un mese di tempo per raccontare gli spazi dismessi della nostra Italia.