Tutti coloro che si sono appassionati a "The Young Pope", la serie ideata e diretta da Paolo Sorrentino e attualmente in onda su Sky, ad un certo punto della visione si saranno domandati: "Ma dove hanno girato le scene? Come hanno fatto?". Il dubbio che il Vaticano avesse concesso qualche autorizzazione sarà venuto a pochi. E in effetti nessuna delle scene della serie televisiva è stata girata all'interno di luoghi sacri come il Vaticano; nessun permesso di accesso è stato mai consentito. La Cappella Sistina è stata riprodotta a Cinecittà e la maggior parte delle scene di esterni sono stati girati tra Villa Medici, Villa Doria Pamphili ed altri luoghi storici di Roma ma non solo.

Come ne "La Grande Bellezza" di Paolo Sorrentino, la ricerca dei luoghi della serie "The Young Pope" si è rivelata una vera e propria caccia al tesoro. Dietro la realizzazione della verosimile scenografia di "The Young Pope" c'è la brillante mente, e mano, di Ludovica Ferrario, quarantenne, romana di origine, architetto e appassionata di cinema, già collaboratrice di Sorrentino ne "La grande bellezza" come art director. La scenografa è infatti riuscita a ricostruire in ambienti esistenti, come Villa Medici o Palazzo Braschi, la maggior parte dei luoghi in cui si muove il giovane papa Lenny Belardo, interpretato da Jude Law, e lo stuolo di cardinali, preti, suore, fedeli, che rappresentano i diversi personaggi della serie; mentre altre scene sono state realizzate a Cinecittà, come la Cappella Sistina, o in post produzione, come la Cupola di San Pietro. La Roma di Lenny Belardo, il giovane ed irriverente papa Pio XIII immaginato da Sorrentino, è anche frutto di un grande lavoro di squadra, che ha visto collaborare progettisti, artisti, stuccatori, marmisti, artigiani, pittori e falegnami, per ricreare sul set o in post produzione vari ambienti così simili a quelli veri dello Stato Vaticano che in molti si sono lasciati amabilmente convincere (fonte Corriere.it).

Palazzo Braschi, Roma.

Il noto bagno di Papa Pio XIII e gli appartamenti papali sono stati allestiti all'interno di Palazzo Braschi, dove un intero piano è stato adibito a set di riprese della criticata e osannata serie The Young Pope. Il Palazzo è composto da diversi corpi di edifici di cui il primo, costruito nel 1435, aveva accesso diretto da Piazza Navona. Vicissitudine successive hanno conferito a Palazzo Braschi l'attuale assetto barocco-neoclassico in cui particolare valore ha lo scalone d'onore, in stie barocco, che molti riconosceranno nella scena della vestizione del giovane papa, Lenny Belardo. Oggi palazzo Braschi è sede del Museo di Roma.

Chiesa di Sant'Anselmo all'Aventino, Roma.

In questa chiesa posta sui uno dei colli più rappresentativi di Roma è stata allestita un'apposita stanza adibita a confessionale nella serie The Young Pope. In tutte le dieci puntate della serie il confessionale ricopre un ruolo importante. Nonostante l'apparenza, la Chiesa è di recente costruzione, risale alla fine dell'Ottocento; inganna probabilmente lo stile neo-romanico usato dall'architetto Francesco Vespignani che ha progettato il monumento.

Villa Medici, Roma.

Molte scene di esterni ed interni sono state girate in questo complesso architettonico situato nel punto più alto di Roma, il Pincio. La Villa e i giardini sono un prestigioso esempio di architettura del XVI secolo. Dal 1803 il complesso ospita l?accademia di Francia.

Villa Doria Pamphili, Roma.

I giardini ed il verde lussureggiante di Villa Doria Pamphili sono noti a Roma. Quella che era nata come la tenuta di campagna dell'omonima famiglia oggi è il parco pubblico urbano più grande di Roma. Molte scene di esterni di The Young Pope, compresi i Giardini Vaticani, sono state girate qui.

Villa Piccolomini, Roma.

La villa è circondata da un vasto parco sovrastante la Basilica di San Pietro. Qui sono state girate diverse scene dei Giardini Vaticani della serie The Young Pope.

Orto Botanico, Roma.

Situato sul Gianicolo, L'Orto Botanico di Roma è costituito dal vecchio parco di Villa Corsini. Palme, piante acquatiche, serre, boschi di bambù e una piccola valle di felci, il giardino giapponese e il bosco mediteraneo di sempreverdi hanno fatto da sfondo a varie scene di esterni della serie.

Villa Lante – Bagnaia, Viterbo.

The Young Pope non è stato ambientato solo a Roma ma anche a Viterbo e di preciso Villa Lante – Bagnaia che è stata utilizzata per creare la scenografia dei Giardini Vaticani, insieme all' Orto Botanico, Villa Medici, Villa Piccolomini, Villa Doria Pamphilj di Roma. La Villa è in stile manieristico e risale al XVI secolo. È, assieme a Bomarzo, uno dei più famosi giardini italiani.

Cinecittà, Roma.

La Cappella Sistina di The Young Pope è stata ricostruita interamente a Cinecittà. Qui è stata fatta una riproduzione in scala reale che misura circa 40 metri di lunghezza per 15 metri di larghezza e con un'altezza di 5 metri e anche di più dove era necessario che gli affreschi non venissero tagliati.

Hotel Mediterraneo, Roma.

La scena in cui il giovane papa va nella hall di un albergo in piena notte, con il cardinale e amico Andrew Dussolier, è stata girata in un albergo esistente di Via Cavour a Roma.

Olgiata, Roma.

La scena dell'eliporto e anche quella della piscina in cui papa Pio XIII immagina Castel Gandolfo sono state girate in alcuni luoghi di questo quartiere di Roma.