Non sempre un "No" come risposta è sufficiente a cancellare l'idea per un progetto o un desiderio che vorremmo realizzare. Così quando Eric Vekeman si è visto rifiutare il permesso per trasformare il suo negozio in Belgio in un garage, il diniego del comune proprio non poteva accettarlo. Il suo cervello ha iniziato a mettersi in moto per raggirare quell'antipatico rifiuto perché di quel negozio di alimentari in cui aveva lavorato tutta la vita prima della pensione proprio non sapeva più che farne mentre un bel garage gli sarebbe stato davvero utile. E, nonostante il mancato permesso, Eric Vekeman ha costruito ugualmente il suo garage.

Eric Vekeman ha escogitato un modo davvero geniale per aggirare il rifiuto: quando il pensionato belga non deve utilizzare l'auto, il suo gioiellino è tranquillamente parcheggiato nel suo negozio di alimentari. Dall'esterno sembra un auto in vetrina perché apparentemente il negozio di Eric Vekeman è rimasto invariato: c'è la vetrina che dà sulla strada, un muretto basso ai piedi della vetrina e anche una panchina davanti ad essa. Ma quando Eric Vekeman necessita di usare l'auto il suo ex negozio di alimentari si trasforma in un modo incredibile: il pensionato belga sposta la panchina all'esterni della vetrina; apre la vetrina che in realtà è un infisso a tutta altezza reso mobile grazie a delle ruota che scorrono sul pavimento; il muretto basso su cui poggia la vetrina, grazie ad una maniglia estraibile e delle rotelle sottostanti, viene staccato dalla parete in modo che tutto l'affaccio sulla strada risulti libero. Una volta eliminato muretto e vetrina, Eric Vekeman posiziona due gradini a squadra di ferro su cui far scendere l'auto dall'interno di quello che era il suo negozio. In questo modo il geniale pensionato è riuscito ad ottenere ugualmente il suo garage anche senza bisogno del permesso del comune.