Sono quasi 100 le attività che un bambino può svolgere all'interno di KidZania, l.a Disneyland delle metropoli moderne. Da poliziotto a dentista o ristoratore, i bambini a KidZania lavorano come gli adulti e guadagnano soldi immaginari, i kidZos, da poter spendere in beni e servizi nei più dei 60 stabilimenti del primo parco divertimenti educativo del mondo. Ce ne sono 16 in diversi paesi del mondo, dal Messico al Giappone, e nel 2016 è prevista anche l'apertura di KidZania in Italia, a Roma. KidZania è una catena messicana, fondata dall'imprenditore Xavier López Ancona, dove i bambini imparano a conoscere come funziona la società, l'alfabetizzazione finanziaria, le professioni degli adulti, il lavoro di squadra, l'indipendenza, l'autostima e le competenze della vita reale.

Tutti da bambini abbiamo giocato ad essere grandi, a KidZania i bambini fanno i grandi. Imparano a lavorare e guadagnare: piloti, giornalisti, poliziotti, chef, dottori, ogni bambino può diventare ciò che vuole, scegliere una professione, conoscere il proprio lavoro, indossare una divisa, e iniziare a guadagnare. È come se il paese dei balocchi fosse diventato un mondo in miniatura dove i bambini giocano ad essere adulti.

Cos'è KidZania.

KidZania è una città completa con un ospedale, vigili del fuoco, salone di bellezza, banca, stazione radio, supermercato, stazione televisiva, pizzeria, teatro, strade asfaltate, veicoli, un'economia funzionante e molto altro ancora. Tutto è progettato per essere a dimensione dei bambini che qui imparano cosa significa essere adulti. Zupervisors, adulti addestrati, guidano e aiutano i bambini a svolgere i loro compiti. I piccoli lavoratori imparano giocando in quello che è un parco divertimenti a scopi educativi.

Come funziona KidZania.

Alla loro prima visita ad una città di KidZania, i bambini aprono il proprio conto risparmi personali presso la banca KidZania; lavorando, ricevono kidZos in contanti e una carta di debito da utilizzare in qualsiasi bancomat della città; con questa carta si possono prelevare dal proprio conto kidZos per giocare, fare acquisti nel parco oppure possono conservare i loro kidZos per delle visite future in quello che sembra essere un monopoli a grandezza reale.

Le polemiche contro Kidzania.

Nonostante il successo della catena messicana di parchi a tema per bambini, c'è chi contesta l'uso dei marchi all'interno di KidZania: i bambini infatti non sfornano una pizza qualunque ma quella di Domino, non imparano ad essere piloti su un semplice aereo ma su quello dell'American Airlines e i conti di risparmio nella banca del parco sono tutti Hsbc. Ma per il CEO Ancona la scelta di usare marchi veri è per rendere il parco ancora più realistico e rispondente alla nostra società. Inoltre senza degli sponsor sarebbe impossibile mantenere una struttura così impegnativa che dà lavoro ad oltre duemila persone in Messico. Dopotutto anche Disneyland è sponsor del suo stesso marchio.