A difendere un prodotto iconico del made in Italy è il Tribunale di Torino, che il 6 aprile ha dichiarato la Vespa Piaggio: "un'opera di design industriale tutelata dalla legge sul diritto d'autore e nessun ‘clone' può essere commercializzato in Italia". Dal 1948 ad oggi, la Vespa è diventata un simbolo del nostro paese e la sentenza conclude una controversia iniziata al salone Eicma nel 2013 quando l'azienda italiana aveva notato il "clone" di una società cinese.

La Vespa Piaggio non si può copiare: la forma iconica del celebre scooter italiano è unica e tutelata dalla legge. Tutte le aziende che hanno provato ad imitare la Vespa hanno violato il cosiddetto “marchio tridimensionale” registrato da Piaggio. Per questo motivo la Guardia di Finanza, Compagnia di Rho – Nucleo Mobile, nel 2013, all'EICMA, sequestrò undici scooter esposti appartenenti a sette espositori differenti. La sentenza del Tribunale di Torino del 6 aprile 2017 è storica. La controversia legale è stata intrapresa dal Gruppo Piaggio contro una società cinese, la Zhejiang Zhongneng Industry Group che produce un modello di scooter "Ves" uguale alla Vespa LX del 2005: con la sentenza l'azienda italiana ha fatto valere il diritto di forma non solo su questo modello ma su tutti quelli realizzati dal 1948 ad oggi.

Vespa LXin foto: Vespa LX

Nessuna azienda potrà vendere in Italia cloni della Vespa Piaggio, secondo quanto stabilisce la sentenza del Tribunale di Torino. Inizizalmente era stata proprio la Zhejiang Zhongneng Industry Group a rivolgersi alla Piaggio per accertare che la "Ves" non fosse un clone della Vespa LX; ma il Gruppo italiano è riuscita ad ottenere una tutela su tutti i suoi modelli prodotti nella storia. Nonostante la Vespa sia ormai un'icona del made in Italy riconosciuta nel mondo intero, nessun Tribunale aveva mai stabilito una specifica tutela in merito. La Vespa Piaggio va protetta perché rientra nelle tutele dell'articolo 2 (comma 10) della legge sul diritto d'autore che salvaguarda le «opere del disegno industriale che presentino di per sé carattere creativo e valore artistico».