Un tempo si acquistava un elettrodomestico e si pensava che sarebbe durato una vita intera. Oggi si sa che gli elettrodomestici, che siano frigoriferi, lavatrici, forni a microonde o frullatori, non sono come i diamanti, non durano per sempre. Alcuni hanno vita piuttosto tenace di alcuni anni e si spera sempre che possano vivere il più a lungo possibile perché rappresentano una spesa per l'economia familiare per nulla indifferente. Ma prima o poi qualsiasi elettrodomestico è destinato a finire e il suo smaltimento non è nient'altro che semplice: necessita infatti di una destinazione e di un processo apposito che richiede di chiamare il servizio rifiuti speciali, il cui trasporto spesso è a carico dell'utente privato. Ma a volte basta avere la giusta ispirazione è un po' di fantasia per riutilizzare un vecchio elettrodomestico in modo creativo. È quello che è successo nella città di Câmara de Lobos, sull'isola di Madeira, in Portogallo, dove 133 cestelli di vecchie lavatrici non più funzionanti sono stati trasformati in originali lampioni per le strade della città.

Non gettate via le vostre lavatrici rotte, con i pezzi degli elettrodomestici si possono creare tanti oggetti ancora utili. È successo sull'isola di Madeira dove l'amministrazione, in occasione della festa di São Pedro, ha raccolto 133 cestelli di lavatrici in disuso da parte dei suoi cittadini. Questi cestelli, opportunamente riutilizzati, sono diventati degli incredibili lampioni per le strade della città di Câmara de Lobos. Il progetto si chiama "sogno di una notte di mezza estate", sviluppato dal teatro metaphora – associazione amici delle arti on il sostegno dell'amministrazione comunale, ed è riuscito a decorare ed illuminare la strada di San Giovanni di Dio durante le feste di San Pietro, nel 2016, con 133 tamburi di lavatrice riciclati: "questo progetto ha un significato non solo visivo ma anche ecologico, e cerca di sensibilizzare sull'uso sostenibile delle risorse, favorendo il riutilizzo dei materiali".