L’Osteria Francescana, il suo rinomato ristorante a tre stelle Michelin di Modena, è attualmente al secondo posto nella lista dei World’s 50 Best Restaurants, ma lo chef Massimo Bottura non è la prima volta che pensa ed agisce al di fuori della cucina. Negli ultimi vent’anni la sua arte culinaria si è affermata come una delle più creative al mondo, e ha sicuramente contribuito ad aprire la strada per la nuova generazione di chef italiani nel mondo, di recente però il celebre chef stellato ha rivolto la sua creatività anche ad alcune problematiche sociali di cui tutti dovremmo occuparci: contrastare gli sprechi alimentari riportando un senso di dignità in tavola. Nasce così l’associazione no-profit Food for Soul allo scopo di aprire mense per poveri, in Italia e nel mondo, e Massimo Bottura racconta il suo nuovo progetto alle telecamere di Fanpage.

Premiato come Chef Europeo dell’Anno da Madrid Fusion nel gennaio 2016, già durante ExpoMilano 2015, Massimo Bottura aveva costruito il Refettorio Ambrosiano, una mensa per poveri in un teatro abbandonato, portando 60 chef internazionali a cucinare con gli scarti alimentari nei padiglioni di Expo. In soli cinque mesi sono state recuperate 15 tonnellate di cibo, altrimenti andate sprecate. All’inizio del 2016, dopo il successo del Refettorio Ambrosiano, Bottura fonda Food for Soul, uno strumento per continuare a combattere contro lo spreco alimentare. L’obiettivo dell’associazione è aprire mense per poveri simili al Refettorio: "è il team di ricerca e sviluppo, così come l’organo di fundraising che renderà possibili i progetti futuri", racconta lo chef stellato. Food for Soul supporta l'apertura di mense che nutriranno l'anima, così come il corpo, attraverso l'istruzione e il coinvolgimento della comunità. Ogni progetto è dedicato alle esigenze della comunità e delle istituzioni che lo supportano ed è realizzato in collaborazione con altri enti pubblici e privati così da sviluppare una rete di persone che lavorano insieme per promuovere il cambiamento.

In occasione del Salone del Mobile.Milano 2016, Grundig sceglie di sostenere Food for Soul e i suoi valori, allo scopo di insegnare alle persone come lottare contro gli sprechi in cucina grazie ad intelligenti tecniche di preparazione basate sul riutilizzo del cibo. E nel raggiungimento di questo obiettivo, le tecnologie Grundig assumono un ruolo etico importante. Grundig infatti produce già da diversi anni prodotti attenti al risparmio d’acqua ed energia come, ad esempio, frigoriferi in grado di prolungare la durata del cibo. La sostenibilità rappresenta uno dei temi fondamentali della strategia dell'azienda allo scopo di tutelare le risorse del mondo, oggi sempre più scarse. Perché, come afferma Massimo Bottura: "La cucina non è solo la qualità degli ingredienti, ma anche la qualità delle idee".