Vi siete mai chiesti come vive un vostro coetaneo dall'altra parte del mondo? Su quale letto dorme? Fa tardi la sera? Si sveglia presto la mattina? Cosa mangia? Cosa indossa? Cosa legge? John Thackwray viaggia in giro per il mondo per catturare il luogo più intimo di una persona: la propria stanza da letto. Il fotografo sudafricano ha trascorso gli ultimi sei anni della sua vita visitando le camere da letto di giovani uomini e donne nati tra gli anni 1980 e 1990 di 55 paesi diversi nel mondo per capire come conducono la loro vita. Dopo centinaia di camere, migliaia di incontri e ricordi, è nato il progetto fotografico "My Room Project" in cui John Thackwray, con una telecamera sul soffitto della camera da letto di ciascun partecipante, ha catturato i dettagli più intimi dei loro spazi privati.

John Thackwray ha viaggiato in tutta Europa, America del Nord, Centrale e Asia orientale, immortalando giovani nati tra il 1980 e il 1990 in città come Tokyo, New York, Teheran o Berlino. "My Room Project" è cominciato come un progetto ludico con gli amici di Parigi di John Thackwray: "A quel tempo era solo un hobby, un modo diverso di viaggiare. È stato anche un modo per incontrare gente, o solo in fondo per vedere come la gente della mia età viveva in tutti i paesi". Col tempo il progetto è diventato sempre più grande: più di un migliaio di candidati da 55 paesi del mondo hanno preso parte a "My Room Project". I giovani fotografati da Thackwray sono immortalati nelle proprie camere da letto e con gli oggetti a cui sono più affezionati. Alcuni sono ricchi, alcuni sono poveri, alcuni vivono in modo tradizionale, altri hanno scelto di ritirarsi in un tempio buddista del Nepal, alcuni si trovano in un carcere in Messico per campi profughi palestinesi, ognuno di loro testimonia uno stile di vita diverso in tutto il mondo.

Per catturare l'intimità di ogni giovane nella propria stanza da letto, John Thackwray imposta una fotocamera sul soffitto di ogni singola camera, così dall'alto è possibile prendere tutta la vista della stanza. "Il concetto è semplice: fotografare giovani uomini e donne che sono nati negli anni '80 e '90, nei luoghi in cui dormono, in tutto il mondo, e con le interviste agli stili di vita, le questioni locali, l'istruzione, la religione, o l'amore", dice il fotografo sudafricano. Gli occhi e i sorrisi dei partecipanti dimostrano la sicurezza dei partecipanti e l'orgoglio nel trovarsi nella propria camera da letto.

Tutte queste fotografie sono una testimonianza del mondo che ci circonda. Come combinazione di antropologia visuale e fotografia sociale, questo progetto cosciente ci rende consapevoli della diversità degli stili di vita, della distruzione delle nostre tradizioni e dell'aumento delle disuguaglianze.

John Thackwray