È sempre motivo di grande orgoglio quando a vincere una competizione internazionale è uno studio italiano: questa volta si tratta dello studio di architettura Lissoni Associati (con Piero Lissoni e i membri del team di Miguel Casal Ribeiro, Joao Silva e Mattia Susani) che hanno vinto il primo premio per la progettazione del nuovo NYC Aquarium & Public Waterfront. Sarà il futuro acquario di New York e non poteva sorgere in posizione migliore, sull'East River. L'idea che ha vinto è quella di concepire il nuovo acquario come una struttura d'accesso verso il mare: i visitatori avranno la sensazione di entrare in acqua per scoprire la bellezza della vita marina.

Il punto di partenza del progetto è proprio il livello dell'acqua, quello dell'East River, da qui Lissoni Associati progetta un acquario come una sorta di bacino scavato nel fiume a cui si accede tramite una rampa che conduce i visitatori lungo il percorso come se ci fosse una sorta di isola sommersa a due livelli. La struttura è caratterizzata da otto biomi trasparenti a tripla altezza: quattro di questi biomi rappresentano gli oceani (Atlantico, Pacifico, Indiano e Sud) e altri quattro i mari (Caraibi, Mediterraneo, Tasman e Mar Rosso); mentre una sorta di iceberg centrale che emerge dallo scavo simboleggia i Poli Nord e Sud. Un anello galleggiante come una passerella panoramica perimetrale collega i due waterfront e comprende l'Acquario e il tetto scorrevole. L'area parcheggio è progettata invece fronte mare per creare uno spazio pubblico panoramico.

Il progetto crea un sistema dinamico che interagisce con l'ambiente circostante, offrendo diversi modi per sperimentare il mondo dell'acqua…un guscio vivente che si apre verso il cielo durante il giorno per rivelare i mondi marini e che chiude le tenebre che scendono a dare una "seconda vita" come un planetario, proteggendo l'arena e le cupole biome all'interno, come una conchiglia protegge la perla.