Sono oltre 300.000 i passeggeri che ogni anno vanno su e giù, da Alpnachstad al Monte Pilatus, in Svizzera, a bordo della ferrovia a cremagliera più ripida del mondo, attraverso prati tappezzati di fiori d'altura, torrenti di montagna scintillanti e affascinanti pareti rocciose. Chi sale a bordo del Pilatus non manca davvero di coraggio perché la vettura sale lungo il versante roccioso del Monte Pilatus ad una pendenza del 48% fino a 2.132 metri di altezza.

La vettura sembra quasi instabile, ma il Pilatus funziona da quasi 120 anni. Costruita nel 1898, la ferrovia più ripida del mondo è tuttora funzionante e trasporta i propri passeggeri da Alpnachstad fino alla cima al Monte Pilatus in meno di mezz'ora ad una velocità di 5-7 mph. I passeggeri possono viaggiare su una vettura assolutamente sicura che consente di godere di un panorama mozzafiato sulle Alpi Svizzere. Il percorso comprende la partenza dalla stazione di Alpnachstad al lago di Lucerna, Obvaldo, fino ad un capolinea nei pressi della cima del Monte Pilatus.

La ferrovia a cremagliera viene usata proprio nei tratti di grande pendenza. Questo tipo di sistema si basa sull'uso di una rotaia dentata, detta appunto cremagliera, posta in parallelo rispetto ai binari. In genere la rotia è collocata al centro tra i due binari su cui si muove la vettura o può trovarsi fuori asse. Questo tipo di sistema dentato consente di aumentare l'aderenza dei mezzi ai binari e rende più sicur la frenata e la fermata dei treni. Oggi, il servizio del Pilatus è attivo tra maggio e novembre di ogni anno, con dieci vagoni ferroviari e una capacità massima di trasporto di 340 persone all'ora, secondo il centro turistico Pilatus Lucerna. Per scendere dalla montagna la ferrovia impiega invece quaranta minuti per riportare i passeggeri a valle. Ma il percorso panoramico inserisce il Pilatus sicuramente tra le ferrovie più belle del mondo.

Vota l'articolo:
3.81 su 5.00 basato su 106 voti.
Aggiungi un commento!