‘POOL, perdita di colore' è molto più di un dipinto apparentemente freddo sul pavimento, è più di un'immagine di una piscina deteriorata. Il dipinto, fatto dall'artista Jeroen Bisscheroux, è un tappeto che unisce lo tsunami a Sendai, in Giappone, e il disastro di Fukushima in una sola immagine, l'immagine sul tappeto. Il tappeto trasforma i due disastri a misura d'uomo ed è, quindi, non qualcosa che accade in qualche luogo lontano.

Anche se è uno spettacolo impressionante, il lavoro di Bisscheroux vuole evocare più di un senso di meraviglia in quanto colma due tragedie che hanno avuto luogo in Giappone. Uno è il 2011 dallo tsunami che ha colpito la regione di Sendai, e l'altro è gli eventi correlati che coinvolgono il crollo del Fukushima Nuclear Power Plant. Qualsiasi tipo di associazioni positive che abbiamo con il gioco in una piscina è oscurata dall'angoscia del deterioramento della struttura.

Bisscheroux ha voluto creare maggiore consapevolezza riguardo una tragedia che non è solo qualcosa che accade dall'altra parte del mondo, ma può, infatti, capitare proprio nel vostro cortile. Porta queste questioni, come i fatti di Fukushima, in prima linea in modo da non dimenticare le popolazioni colpite. "Si tratta di una traduzione della minaccia di una tragedia ancora più grande che sta emergendo. Non solo nel luogo dell'opera, ma in tutto il mondo", spiega l'artista, "‘POOL, perdita di colore' mira a creare una maggiore consapevolezza, sottolinea l'importanza degli eventi in corso a Fukushima. Sia in Giappone, ma soprattutto in Europa occidentale, dove gli eventi di Fukushima hanno sbiadite lontano".