Solo pochi fortunati membri potranno permettersi di fare una vacanza nel lusso sfrenato del Quintessentially One, il super yacht più grande mai realizzato definito "il club galleggiante per soci privati più grande del mondo". Supererà di 40 metri di lunghezza l'Azzam, la nave privata più grande del mondo, di proprietà dello sceicco Khalifa bin Zayed Al Nahyan degli Emirati Arabi. L'incredibile yacht dei record condurrà i ricchi soci privati in giro per il mondo per partecipare agli eventi più esclusivi.

Il Quintessentially One farà il primo viaggio tra il 2019 ed il 2020. Con una lunghezza di 220, il Quintessentially One supererà ogni record. Il super yacht è costato 250 milioni di euro ma una volta inaugurato sarà accessibile solo ai soci privati che potranno pagare camere a partire da 2000 euro a notte. Cinque miliardari, di cui l'identità resterà segreta fino al varo della nave, hanno pagato 10 milioni di euro a testa per contribuire al costo di costruzione in cambio di una suite di proprietà a bordo. La nave ospiterà i party più esclusivi del mondo e artisti di fama internazionali come Elton John, con il quale la Quintessentially ha un rapporto di lunga data. Oltre ai party e alle suite privati, l'enorme yacht avrà a a bordo anche un albergo di lusso e un ristorante gestito dalla famosa catena Mayfair The Wolseley.

L'adesione a Quintessentially è disponibile a partire da 15.000 euro di quota. Una volta diventati membri Quintessentially, un Lifestyle manager si preoccuperà di capire e soddisfare le esigenze di ogni socio. Ci saranno suite che occuperanno tre piani della nave e servizi di lusso senza precedenti. L'idea di creare un super yacht per miliardari come un club privato galleggiante è venuta al co-fondatore e presidente di Quintessentially, Aaron Simpson, quando si è reso conto di non riuscire a soddisfare le esigenze dei più ricchi durante eventi importanti a cui tutti voglio esserci, come il Gran Premio di Formula 1 di Monaco, Festival di Cannes o il Carnevale di Rio. L'unico problema sarà attrezzare i porti ad accogliere uno yacht di 220 metri che, ad esempio, a Monaco oggi non potrebbe accedere; altrimenti gli ospiti saranno costretti a sostare a largo ed essere trasportati in riva da altre imbarcazioni. Il primi viaggi del Quintessentially One sono previsti per le Bahamas, Ibiza e Miami.

Questo è un modo meraviglioso per soddisfare le esigenze dei membri globali di Quintessentially quando tutti vogliono partecipare agli stessi eventi di alto profilo che attualmente non hanno abbastanza capacità di accoglienza. Sarà il più grande club di appartenenza privata galleggiante del mondo. Diversamente dalle altre navi che navigano verso una direzione, ormeggiano e fanno scendere i passeggeri per le visite, la Quintessentially One attraccherà e farà salire gli iscritti”

Aaron Simpson