Sul sito di una ex fabbrica di birra nella città di Sydney, il celebre architetto francese Jean Nouvel ha realizzato uno straordinario complesso residenziale, il One Central Park, che si arrampica ad un'altezza di 116 metri diventando il più alto giardino verticale del mondo. Il progetto da 600 milioni di AUD è composto da due torri che sono alte 16 e 33 piani, sopra un podio di sei livelli di spazi per la vendita al dettaglio e ricreazione. Il complesso si inserisce all'interno di un'area di sviluppo di 250.000 metri quadrati, gestito dalla struttura Fraser, che ospiterà una serie di edifici progettati da diversi architetti, un nuovo parco urbano, e la conservazione e il riutilizzo di oltre 32 elementi del patrimonio attualmente esistente in loco. "La grande architettura non si crea in un silo. La grande architettura è collaborativa", così, quando Fraser ha acquisito il sito Carlton United Breweries da Foster nel 2007, ha invitato un ‘dream team' di architetti leader a livello mondiale per creare una visione all'altezza del vasto potenzial.

Jean Nouvel ha collaborato con l'artista francese e botanico Patrick Blanc per il One Central Park, che incorpora oltre ad una dozzina di giardini verticali attraverso le facciate delle torri, scatole da giardino e fili verticali incorporati nelle logge che avvolgono le torri nella vita vegetale, estendendo il parco centrale previsto al centro del nuovo quartiere in questo edificio molto verde. Il progetto ad uso misto, che è stato sviluppato in collaborazione con lo studio locale di architetti PTW, offre alla città australiana 563 unità abitative immerse nella natura ma nel cuore del centro urbano.

Avvolgere la struttura di vegetazione, fioriere, viti verticali e pareti verdi estenderà il parco circostante verso l'alto, portando il senso della natura in ogni unità residenziale. La vegetazione aiuterà anche a ridurre i consumi energetici con l'anidride carbonica che le foglie catturano, emettendo ossigeno e riversando meno calore nella città. La torre orientale del Central Park dispone di un impianto eliostato che si estende dai livelli superiori su uno sbalzo monumentale e incorpora un innovativo sistema di 320 pannelli a specchio fissi e motorizzati progettati per catturare la luce solare e destinarli nell'atrio di vendita al dettaglio e sulle terrazze panoramiche. Di notte l'illuminazione integrata dell'eliostato – disegnata dalle luci d'artista di Yann Kersalé – arriverà nelle sale e illuminerà di colore le torri.