Ogni giorno il nostro organismo viene in contatto con le polveri sottili, lo smog di automobili, le emissioni inquinanti di industrie ed altro, e respira odori generati dalla cottura dei cibi, il gas domestico, ma anche elementi tossici di detersivi,
residui chimici di saponi e profumi, polvere e fumo. Non importa se ci si trovi in strada, a casa o al parco, il contatto con tutte queste sostanze nocive avviene sempre ed in ogni caso. Immaginate ora se esistesse qualcosa che quotidianamente e in modo costante riducesse il nostro contatto con tutti questi inquinanti: ecco a voi The Breath. Ideato dalla start up italiana Anemotech Srl di Casei Gerola, The Breath è un tessuto capace di ridurre la quantità di sostanze inquinanti nell'aria, che sia un luogo all'aperto o al chiuso.

Come funziona The Breath? L'innovativo tessuto in grado di assorbire e pulire le sostante inquinanti è costituito da tre strati che lavorano in sinergia: il primo ha un'azione assorbente delle sostanze nocive; il secondo ha un'azione pulente abbattendo in modo sistematico la carica batterica dell’aria a contatto con la fibra; il terzo ha un'azione anti-odore che assorbe rendendo l'aria libera da emissioni fastidiose. "The Breath è progettato per attirare le molecole inquinanti all’interno della propria anima. Grazie a nano molecole attivanti, gli inquinanti sono bloccati all’interno della struttura in tessuto, senza possibilità di rilascio nell’ambiente. La tecnologia THE BREATH lavora grazie ad un sistema “three layer”, ovvero tre parti attive con posizioni e ruoli differenti e complementari", spiega Gianmarco Cammi, direttore operativo di Anemotech e co-inventore della tecnologia. Dei tre strati che compongono l'innovativo tessuto due sono esterni e idrorepellenti in grado di contrastare muffa, batteri ed odori; il tesrzo strato è intermedio ed è costituito da fibra a carboni attivi e nanomolecole che disgregano le particelle inquinanti.

Sono tanti gli usi di The Breath,
dagli uffici, alle scuole, gli ospedali le case o le facciate dei palazzi. Essendo un tessuto versatile, The Breath può essere usato in casa come tela per quadri o tende, in modo da ridurre del 20% le emissioni presenti nell'aria di qualsiasi ambiente. Negli uffici o in luoghi pubblici può essere utilizzato come segnaletica, ma anche come stampa o materiale didattico. Se invece ci si trova all'esterno, The Breath è la soluzione adatta per coprire i ponteggi di restauro o di manutenzione delle facciate dei palazzi nel centro delle città ma anche come tessuto per le barriere antirumore nelle strade periferiche. Flessibile nel formato e facile da personalizzare, sono innumerevoli gli utilizzi che si possono fare di The Breath tanto da annoverare tra i suoi sostenitori anche il Prof. Umberto Veronesi, che ha introdotto il tessuto intelligente nella propria abitazione come quadro, ma ne ha esteso l'impiego pure nel suo Istituto Europeo di Oncologia.