Nel luglio del 1890 moriva a Auvers-sur-Oise uno dei massimi esponenti dell'espressionismo nonché uno dei più grandi pittori che la storia dell'arte abbia conosciuto: Vincent van Gogh . Il 2015 è l'anno del 125° anniversario dalla morte del grande artista e l'Olanda lo ricorda con una serie di eventi e manifestazioni volte a celebrare uno dei suoi cittadini più noti e stimati.

Van Gogh 2015.

Il 2015 è stato eletto anno di Van Gogh perché in quest'anno ricade il 125 ° anniversario della morte dell'artista e sarà commemorato con un programma culturale ampio sul tema "125 anni di ispirazione". Il programma è stato ideato da varie istituzioni in Europa come il Museo Van Gogh, Museo Kröller-Müller, Van Gogh Brabant, Mons 2015 e alcuni partner francesi. Musei, luoghi storici ed eventi culturali presteranno attenzione Durante tutto l'anno la programmazione di musei, luoghi storici e culturali in Europa presteranno attenzione per il lavoro, la vita e le fonti di ispirazione di Van Gogh con l'obiettivo di attrarre un maggior numero di visitatori stranieri nei Paesi Bassi.

La pista ciclabile di Van Gogh-Roosegaarde.

Eindhoven, alle porte del villaggio di Nuenen, in una zona che Vincent Van Gogh ha spesso rappresentato nei suoi quadri, ha deciso di celebrare il 125° anniversario dalla morte dell'artista realizzando una pista ciclabile ispirata ad una delle opere più famose di Van Gogh: la Notte Stellata. La pista ciclabile di Van Gogh-Roosegaarde offrirà un'esperienza magica ai ciclisti grazie ad un particolare design di luce e colore creato dall'artista Daan Roosegaarde in collaborazione con Heijmans che ha sviluppato una speciale tecnologia innovativa capace di illuminare il percorso con migliaia di pietre scintillanti. Il particolare sistema di illuminazione del manto stradale è costituito da mini particelle che catturano di giorno la luce solare e di notte la rilasciano creando un gioco di luce e poesia davvero straordinario. La pista ciclabile Van Gogh-Roosegaarde ha inaugurato ufficialmente il 12 novembre 2014 proprio per renderla fruibile durante tutto il 2015.

Vincent van Gogh e il Brabante.

La pista ciclabile Van Gogh-Roosegaarde si trova a Eindhoven, alle porte del villaggio di Nuenen, nella regione del Brabante dove Van Gogh ha trascorso gran parte della sua vita. É qui che è il famoso pittore ha plasmato se stesso e il suo essere artistico, ed è qui che ha maturato il suo rapporto con la natura e la vita rurale. Per gli appassionati del lavoro del pittore olandese la regione del Brabante è una meta imperdibile per comprendere molti elementi di ispirazione della pittura di Van Gogh. La pista ciclabile collega infatti alcuni luoghi importanti nella crescita artistica di Van Gogh: l'artista di fama mondiale ha realizzato il suo primo capolavoro, I mangiatori di patate, e i mulini Opwettense e Colse presenti nei suoi quadri, proprio a Nuenen. La Van Gogh-Roosegaarde collegherà i due mulini, "colmando il divario tra design contemporaneo, innovazione, patrimonio culturale e turismo nel Brabante", scrivono sul sito dell'iniziativa. La pista ciclabile Van Gogh-Roosegaarde farà parte di un più ampio parco del paese che invoglierà più turisti a recarsi nei Paesi Bassi e a scoprire le orme del celebre pittore espressionista.

La Notte Stellata di Vincent van Gogh.

La pista ciclabile Van Gogh-Roosegaarde ricrea sul suolo l'effetto magnetico che la Notte stellata di Vincent van Gogh riesce a destare negli animi di tutti coloro che hanno avuto la possibilità di ammirarla presso il Museum of Modern Art di New York. Benché la nuova pista sorga vicino a Nuenen che ha rappresentato un'ambientazione prediletta nei quadri di Van Gogh, la Notte Stellata fu invece realizzata nel 1889 in Francia, prendendo ispirazione da un paesaggio stellato sopra la città di Saint-Rémy-de-Provence durante il periodo in cui Van Gogh ha soggiornato ad Arles che così commentava: "Questa mattina dalla mia finestra ho guardato a lungo la campagna prima del sorgere del Sole, e non c'era che la stella del mattino, che sembrava molto grande. Daubigny e Rousseau hanno già dipinto questo, esprimendo tutta l'intimità, tutta la pace e la maestà e in più aggiungendovi un sentimento così accorato, così personale". La Notte Stellata di Van Gogh, come molti suoi quadri prodotti in questo periodo, è carica di significati simbolici che così vengono spiegati su Wikipedia: "il cipresso rappresenta quasi l’aspirazione all’infinito, la forza della pace cercata, specchio dell’anima del pittore; il paesaggio, a prima vista idilliaco e riconciliante, manifesta invece la personalità tormentata di Van Gogh. Le colline, trattate con linee ondulate e parallele, sembrano minacciose acque ribollenti, mentre il cielo vorticoso, con stelle più o meno splendenti, pare percorso da pericolose palle di fuoco trascinate dalla corrente dello spazio. Questo effetto è dato dall’artista grazie alla particolare tecnica pittorica: il colore, di consistenza molto fluida, è steso con uno spessore minimo, a piccoli tocchi ravvicinati, lasciando a tratti piccoli spazi vuoti, dai quali si intravede anche la trama della tela sottostante che, in corrispondenza delle stelle, ne simula il tremolio".