Si è concluso il WAF 2014, il più grande concorso a premi dal vivo al mondo dedicato alla celebrazione e alla condivisione delle eccellenze architettoniche nel mondo, che si è tenuto a Singapore dall'1 al 3 ottobre 2014. 2.000 presenti tra architetti, progettisti, clienti e stampa ogni anno nel mese di ottobre si incotrano all'interno dello spettacolare Moshe Safdie del Marina Bay Sands Hotel per designare il miglior edificio al mondo per l'anno corrente. Quest'anno il premio per il ‘World Building of the Year' è stat assegnato a The Chapel, in Vietnam, progettato da a21studio.

La Cappella è uno spazio comunitario in un nuovo rione urbano alla periferia di Ho Chi Minh City, in Vietnam. Come risultato della crisi immobiliare, l'area circostante mancava di centri comunali; pertanto, la Cappella è stata progettata per essere un luogo di incontro delle persone in modo da farle partecipare ad attività collettive quali conferenze, matrimoni e mostre. La Cappella si avvale di materiali riciclati provenienti da preesistenze in loco, come il telaio in acciaio e le lamiere. Situata su un terreno di 10×20 metri in affitto per 10 anni, la Cappella è uno spazio di aggregazione rivolto soprattutto ai giovani della zona. L'acciaio di riciclo utilizzato viene sorretto da un singolo albero a forma di colonna. Tende colorate e materiali naturali come il legno sono utilizzati per dare una maggiore ariosità all'interno dello spazio, tutto total white, e integrare meglio la Cappela nel contesto urbano.

Il progetto è stato selezionato da una super-giuria del festival, che comprende importanti architetti e designer di tutto il mondo come il famoso architetto britannico Richard Rogers, che lodando il progetto vincitore ha dichiarato: "I ​​giudici hanno ritenuto che questo è un progetto che ha abbraccia la storia e la modernità, creando un dialogo tra di esse. Ha creato il massimo effetto con materiali minimi e ha prodotto un inatteso cambiamento di ritmo nel suo contesto urbano. L'occasione è stata presa per riciclare e ripensare i materiali del sito, e affrontare una serie di problemi di progettazione che hanno prodotto un piccolo progetto con una grande presa di posizione. Colore e luce sono stati dispiegati in modo che le persone si sentissero a proprio agio e l'architetto ha trovato la poesia nell'ordinario". Tra i precedenti vincitori del World Building of the Year Award ricordiamo la Bocconi, a Milano, progettata dallo studio irlandese Grafton Architects (2008); il MAXXI di Roma, progettata da Zaha Hadid Architects (2010); i Giardini di Marina Bay a Singapore, progettati da Wilkinson Eyre, Grant Associates, Atelier One e Atelier Ten (2012).