Quando si giocano i Mondiali di Calcio, una volta ogni quattro anni, l'estate non è più la stagione del mare, delle spiagge, del caldo e delle vacanze, ma diventa l'estate della Coppa del Mondo. Tutti gli appassionati di sport, ma non solo, si riuniscono e si appassionano alle partite che vedono le migliori squadre del mondo sfidarsi al gioco più amato di tutti, il calcio. E anche se quest'anno l'Italia è fuori dai Mondiali 2018 che si giocano in Russia, l'attenzione degli amanti del calcio non è inferiore. Quando si gioca una partita della Coppa del Mondo FIFA quello che si nota sono i giocatori, i loro talenti in campo, le tattiche, il tifo ma anche lo stadio in un cui si gioca un match. È impossibile vedere le partite di Mondiali senza implicazioni emotive, e l'arena di queste emozioni sono gli stadi.

Al di là degli stadi più noti, come il Maracanà di Rio de Janeiro, un tempo il più grande stadio del mondo, ecco una serie di campi che maggiormente hanno segnato lo sport e le città in cui sono stati realizzati. Lo stadio Nissan, o lo stadio internazionale di Yokohama, in Giappone, è stato lo stadio della finale Germania contro il Brasile dei Mondiali di Calcio 2002. Lo stadio internazionale di Yokohama è stato progettato dal team di progettisti, architetti e ingegneri MHS è può ospitare 72.000 persone. Sul quel campo Ronaldo ha segnato i gol che hanno definito il quinto titolo mondiale della Coppa del Mondo FIFA per il Brasile.

La Germania è stata vincitrice di quattro Coppe del Mondo FIFA. Il paese ospita non solo una delle squadre di calcio più forti del mondo ma anche alcuni degli stadi più spettacolari: uno è l'Allianz Arena di Monaco, progettato nel 2005 dallo studio svizzero Herzog & de Meuron. La sede del Bayern Monaco è stato utilizzato per sei partite durante la Coppa del Mondo FIFA 2006, con una capienza di oltre 75.000 persone. Sono tre le sue caratteristiche principali: corpo illuminato che può cambiare aspetto e attorno; e l'interno che sembra un cratere e permette una visuale ottimale da ogni punto dello stadio. Sempre in Germania c'è il Parco di Iduna a Dortmund. La sede del Borussia Dortmund ha ospitato sei partite dei Mondiali 2006 tra cui anche la sconfitta della Germania contro l'Italia. Il Parco di Iduna a Dortmund è soprannominato il muro giallo per la particolare atmosfera che si crea all'interno. La sua caratteristica è la presenza, oltre i 63.000 posti a sedere, di un'area sottotribuna che rappresenta la più grande terrazza per gli spettatori in piedi nel mondo.

Nel 2010 per la prima volta la Coppa del Mondo FIFA è stata ospitata in Sudafrica. Uno degli stadi più iconici è lo stadio FNB, il più grande stadio situato appena a sud di Johannesburg, che può ospitare 87.436 posti. Lo stadio è famoso per aver ospitato anche altri eventi importanti tra cui il discorso di Nelson Mandela nel 1990. Nel 2010 gli architetti mondo nel 2010, lo stadio ha subito un massiccio rinnovamento per Boogertman + Partner lo anno rinnovato ed evoca un "calabash" o "pentola africana".

I mondiali del Brasile 2014 sono quelli più freschi nella memoria. Il numero degli stadi costruiti per il grande evento nel paese, e le grand critiche e polemiche per il dispendio di denaro e gli incidenti, ancora fanno eco fino ad oggi. Uno degli stadi più chiacchierati è stato l'Arena Amazonia a Manaus, città situata nel cuore della foresta amazzonica Lo stadio è stato racchiuso da una struttura metallica progettata per assomigliare ad un cesto di paglia, con una capienza di 42.377 spettatori. Oggi l'Arena Amazonia ospita anche altri eventi come concerti di hosting e manifestazioni culturali.

In Russia, dove si sta giocando la Coppa del Mondo FIFA 2018, sono dodici gli stadi dove si giocano i Mondiali. Di questi solo cinque sono di nuova costruzione: l'Arena Volgograd, costruito sul sito del memoriale di guerra di Mamayev Kurgan, ha una facciata a cono rovesciato e troncato e il tetto assomiglia ad una ruota di bicicletta. L'Arena di Mordovia a Saransk colpisce per i suoi colori e, anche se è simile allo FNB Stadium di Johannesburg, è un simbolo per l'unificazione della Mordovia con gli altri gruppi etnici della Russia. La Samara Arena è realizzata come un corpo luminoso nella notte ed è un omaggio alla regione di Samara. Lo Stadio di Nizhny Novgorod è stato progettato sul concetto di acqua e vento. La struttura semitrasparente della facciata di notte si illumina rivelando l'ariosità del progetto. Lo Stadio di Kaliningrad a Kaliningrad è la prima costruzione realizzata sull'isola di Oktyabrsky, un tempo vuota, che apre le porte all'urbanizzazione di questa parte di Russia disabitata.