"Se hai aperto un armadio pieno e non hai trovato niente da indossare, o sei rimasta con un fidanzato di cui non sei più innamorata, lasciali andare e prova il metodo Dan-Sha-Ri", spiega Hideko Yamashita, l'esperta giapponese del disordine (clutter consultant) che aiuta a riordinare la propria vita partendo dal riordinare casa: "Sbarazzati delle cose indesiderate in modo da poter costruire quello che vuoi veramente.". Dan-Sha-Ri è il mantra di Hideko Yamashita che insegna a liberarsi del superfluo per essere più felici.

Se le valigie dopo le vacanze sono ancora da sistemare, i souvenir dei viaggi si sono accumulati, l'armadio è pieno ma non hai nulla da mettere, il metodo Dan-Sha-Ri può fare al caso tuo. Hideko Yamashita, nel suo libro "Riordina la tua vita" spiega come osservare attentamente la nostra relazione con le cose a cui ci aggrappiamo e liberare le nostre menti dai legami che non ci servono. E se settembre è il mese dei nuovi progetti e della voglia di novità, secondo gli esperti di Habitissimo (il portale leader in Europa meridionale e Sud America che mette in contatto persone che hanno bisogno di una ristrutturazione o riparazione con professionisti del settore) basta seguire le cinque regole del Danshari per essere felici.

Il metodo Danshari si basa sulle parole giapponesi: ‘Dan' (rifiutare), che implica chiudere il passaggio a cose inutili che cercano di entrare nella nostra vita; ‘Sha' (buttare) il cui significato è quello di sbarazzarsi di quegli elementi che inondano la nostra casa, che non usiamo e che non abbiamo bisogno di avere; e ‘Ri' (staccarsi) che definisce la trasformazione che si fa internamente per rilevare il folle desiderio di possedere cose inutili. Il Danshari non spiega nello specifico come svuotare un armadio bensì fornisce delle regole base da poter applicare a qualsiasi spazio, anche interiore, per liberarsi dalle cose superflue e vivere meglio.

Non sarebbe bello trovare quello che cerchi quando ne hai bisogno? Il tempo medio trascorso alla ricerca delle chiavi è di 6 minuti e pensa allo stress che provoca. Trascorriamo in media 1-3 anni delle nostre vite alla ricerca di articoli smarriti o fuori posto. Non vorresti ridurre lo stress causato da uno spazio non organizzato? Ecco le cinque regole del Danshari da seguire secondo gli esperti di Habitissimo:

La regola dell’occupazione

È importante non riempire mai completamente uno spazio ma cercare di occupare solo l'80%. In questo modo, si evita di mettere cose inutili in quello spazio, lasciando un margine utile per gestire l'ordine.

La regola della sostituzione

Fondamentale selezionare le cose che ci rendono davvero felici e limitarsi a loro, sostituendole se una nuova merita un posto privilegiato. Questo è il modo in cui si impara a valutare le cose che abbiamo e limitare la nostra selezione.

La regola dei due movimenti

Questa regola è diretta al momento in cui riordiniamo gli oggetti scelti. È consigliabile che quando si prendono e si mettono via, vengano eseguiti al massimo due movimenti, ad esempio: aprire la porta dell'armadio e prendere qualcosa.

La regola dell'autonomia e della libertà

Essere liberi di scegliere l'oggetto che vogliamo in quel momento. Ciò che è correlato al modo di salvare oggetti, se lo facciamo verticalmente, come nei supermercati, possiamo selezionare liberamente ciò di cui abbiamo bisogno.

La regola della marcia “automatica”

Questo punto si riferisce alla capacità naturale del corpo di autoregolarsi e rispondere agli stimoli. Con il Danshari l'ordine delle cose ritorna al suo posto e con esso, il modo in cui ci relazioniamo con loro.