Se da piccoli sognavate di vivere all'epoca di Re Artù e dei cavalieri della Tavola Rotonda, potete calarvi perfettamente nell'atmosfera visitando Guédelon, un castello costruito nel XXI secolo ma con tecniche e materiali medievali. Guédelon rappresenta una sfida straordinaria per un'avventura medievale unica al mondo promossa da un team di mastri costruttori, ricercatori e volontari. Il cantiere sorge in una cava nel nord della Borgogna, in Francia, scelta perché qui erano presenti la maggior parte dei materiali necessari per la costruzione: roccia per le mura e le torri, grandi querce per il legno, sabbia e vicinanza di acqua.

La regola è che solo ciò che conosciamo da documenti esistenti all'epoca è consentito.

Guédelon è "archeologia sperimentale in azione", come amano definirla gli ideatori Michel Guyot e Maryline Martin che hanno iniziato a costruire il castello medievale nel 1997. Dietro la costruzione del  è stata creata anche una storia che cala il cantiere in un determinato periodo storico, il 128, tre anni prima che Louis IX, il futuro Saint Louis, fosse incoronato a Reims. Il contesto sociale in cui l'avventura medievale è collocata risulta immaginario: il costruttore del castello di Guédelon è un certo Guilbert, un signorotto locale e inventore di basso rango, vassallo di Jean de Toucy, a cui fu dato il permesso di costruire un piccolo castello a nord della Borgogna.

Il cantiere di Guédelon utilizza non solo materiali antichi, gli stessi usati per i castelli costruiti nel XII secolo, come l'arenaria ferruginosa, il legno di quercia e l'argilla, ma anche tecniche di costruzione medievali. Scalpelli, fabbri e falegnami lavorano come se il castello fosse realmente costruito nel 1228 per cui si avanza senza corrente né motori elettrici. L'unica eccezione è per la sicurezza sul lavoro per cui tutti i partecipanti al cantiere indossano caschi e occhiali protettivi. Il Castello di Guédelon ha anche suscitato un interesse teorico con una serie di studi scientifici e conferenze di archeologi e ricercatori sull'avanzamento dei lavori e per approfondire temi riguardanti la costruzione di un castello medievale.

Oggi il castello di Guédelon è di interesse scientifico, storico ed educativo. Ogni anno sono oltre 300.000 i visitatori che vengono ad ammirare questa impresa medievale tanto che il luogo è diventata una destinazione turistica. Il cantiere di Guédelon è ormai anche un'attività collettiva che ha creato 55 posti di lavoro e attira numerosi volontari ogni giorno. Quartierini, scalpellini, falegnami, fabbri, piastrellatori, carri, corde, pietre, legno, tutto il necessario per costruire il castello da zero segue i canoni architettonici fissati da Filippo Augusto nei secoli XII e XIII. Il cantiere prevede inoltre la costruzione di altre strutture come un villaggio e una cappella. Il completamento dell'intero castello di Guédelon, unico nel suo genere in quel luogo, è previsto per il 1253 nella storia immaginaria, e cioè nel 2023 del mondo di oggi.