Nonostante qui al sud Italia sembrano essere già cominciate le calde giornate primaverili che scioglierebbero chiunque, esiste un piccolo villaggio nel nord della Svezia, Jukkasjärvi, con 1.100 abitanti e 1.000 cani, in cui ogni inverno circa 50.000 visitatori provenienti da tutto il mondo arrivano per vedere l'Ice Hotel e sperimentarne la tranquillità, l'aurora boreale e tutte le attività offerte nell'ultima frontiera selvaggia d'Europa, 200 chilometri a nord del Circolo Polare Artico.

Harding. Photo bigben
in foto: Harding. Photo bigben

L'Ice Hotel si estende su 5.500 metri quadrati ed è costruito da 1.000 tonnellate di ghiaccio proveniente dal fiume Torne, una delle acque più pulite in Europa, e 30.000 tonnellate di "snice", un misto di neve e ghiaccio che rinforza la struttura. Circa 100 persone sono coinvolte ogni anno nella costruzione dell'Ice Hotel, di cui la metà sono artisti eccezionalmente invitati a progettare particolari aree dell'hotel. La costruzione è un processo che dura tutto l'anno.

Ingresso_Photo big ben
in foto: Ingresso_Photo big ben

Tra marzo e aprile, 5.000 tonnellate di ghiaccio vengono raccolte dal fiume e conservate in celle frigorifere durante la primavera e l'estate. La costruzione vera e propria si svolge nel mese di novembre e dicembre e l'intera struttura è aperta al pubblico tra dicembre e metà aprile, quando tutto comincia a sciogliersi lentamente e ritorna al fiume Torne. Il ciclo di vita dell'hotel segue il ritmo del fiume Torne da cui trae il materiale da costruzione ogni primavera.

Reception_Pobornikova_Tsarski_Photo bigben
in foto: Reception_Pobornikova_Tsarski_Photo bigben
Whitewater. Photo_Paulina_Holmgren
in foto: Whitewater. Photo_Paulina_Holmgren

Ma come funziona l'Ice Hotel? La gente sta per un'intera vacanza a diversi gradi sotto zero? La maggior parte delle persone che visitano l'hotel soggiornano una notte in sistemazione fredde e una o più notti in sistemazione in un albergo caldo, in un edificio adiacente all'Ice Hotel. Questo edificio è esclusivo per gli ospiti che soggiornano negli alloggi freddi e funziona come un hub di convenienza: non c'è stoccaggio o impianto idraulico all'interno dell'Ice Hotel, fatta eccezione per la deluxe suite, così tutte le strutture di servizio si trovano in quest'edificio. C'è anche una sauna e una zona relax aperta 24 ore su 24.

La reception fornisce agli ospiti abbigliamento caldo e aiuta con delle guide Icehotel che tengono "corsi di sopravvivenza" ogni sera per gli ospiti che soggiornano la notte in hotel. L'introduzione comprende la guida per informare gli ospiti su come vestirsi in modo appropriato e come fare il letto con i sacchi a pelo artici.

I sacchi a pelo sono fatti per temperature fino a -25° C, ma la temperatura all'interno dell'Hotel non scende mai sotto i -5° C in modo che siano più che sufficienti per mantenere gli ospiti al caldo. Non ci sono porte alle suite d'arte, solo neve e ghiaccio nelle camere, così la mattina, un membro del personale risveglia gli ospiti con succo di mirtillo rosso caldo direttamente a letto.

La chiesa. Panorama web
in foto: La chiesa. Panorama web

Con un design innovativo e moderno, l'Ice Hotel è un progetto con grandi ambizioni che non lascia indifferente nessuno. Grazie al lavoro degli artisti in visita e designer di tutto il mondo, è sempre un'attrazione unica. L'Ice Hotel è più di un semplice hotel con camere e posti letto, è un progetto d'arte effimera fatto di neve e ghiaccio.

The Flower. Photo Paulina Holmgren
in foto: The Flower. Photo Paulina Holmgren
Weygand_Toupet_Photo bigben
in foto: Weygand_Toupet_Photo bigben

"All'Ice Hotel lavoriamo con acqua congelata dal fiume Torne, uno dei pochi fiumi in Europa che non è stato utilizzato a fini industriali ed è quindi una fonte unica. Le sue bellezze naturali e di storia speciale sono fonti di ispirazione per noi ed è qualcosa che crediamo non possa mai essere trovato nel ghiaccio artificiale. Si tratta di essere ispirato dal ghiaccio come materiale: la nostra immaginazione è costantemente sfidata e così diamo vita alla nostra visione dell'arte".

Dragon Residence. Photo Paulina Holmgren
in foto: Dragon Residence. Photo Paulina Holmgren