23 Maggio 2013
12:01

Il cuore pulsante della luce

Le creazioni non convenzionali create da Renata Crespi, sculture e pezzi unici che disegnano la luce.
A cura di Valentina Pepe

Recrea nasce nel 2001 dalla passione per la luce e per i materiali di riuso di Renata Crespi. Renata Crespi, classe 1966, studia e lavora a Milano. Fin da bambina manifesta la sua passione per l’arte e il suo interesse verso gli oggetti più diversi, sperimentati e conosciuti esplorando i cantieri dell’impresa edile di famiglia. Dalla città trae ispirazione e utilizza tutto ciò che la circonda per progettare e costruire le sue opere d’arte, facendo del riciclo dei materiali la sua cifra stilistica. Oggetti d’uso comune, dismessi, vecchi o trovati, ciò che da altri è considerato ormai inutile assume nelle sue mani un valore artistico originale e unico.

Nel 2001 scopre la luce e comincia l’avventura di Recrea, una linea di sculture luminose che si rinnova e si ricrea di anno in anno. La luce diventa filo conduttore comune, quasi un cuore pulsante per questi objet trouvé trasformati in sculture: opere d’arte, lampade pezzi unici dallo stile personalissimo, ironico e suggestivo, ideali per l’arredamento di interni ed esterni. Collezionatrice onnivora degli oggetti più diversi, i materiali con cui lavora Renata Crespi sono utensili da cucina, componenti idraulici e elettrici, prodotti per l’edilizia, ricambi d’auto e moto e qualsiasi oggetto che accenda la sua creatività, con una predilezione particolare per le leghe metalliche e i materiali plastici e per quanto riguarda le sorgenti luminose, per i LED. Espone in mostre collettive e personali e collabora assiduamente con studi d’architettura, interior designers e locali per cui realizza anche progetti “su richiesta”.

La semplicità della luce
La semplicità della luce
La casa della luce apre le porte
La casa della luce apre le porte
La "luce all’opera" la mostra di Mario Nanni
La "luce all’opera" la mostra di Mario Nanni
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni