Avete mai immaginato come deve sentirsi un insetto intrappolato in una ragnatela? E se quell'insetto fosse grande quanto un uomo? È ciò che si può sperimentare in una recente mostra del Des Moines Art Center a Des Moines, in Iowa, Stati Uniti. La mostra Drawing in Space ha selezionato quattro artisti del collettivo Numen/For Use che hanno ideato una scultura interattiva, chiamata "Tape". L'installazione è realizzata con nastro trasparente da imballaggio e sospesa all'interno dell'architettura brutalista del centro d'arte proprio per assomigliare ad una ragnatela a dimensione umana

Per esplorare la prima ragnatela a dimensione umana bisogna indossare delle calze. Ci si muove all'interno della struttura solo in senso orario ma l'esperienza è davvero eccitante. Si può sostare e rilassarsi all'interno di Tape. Sono stati utilizzati oltre 1.000 rotoli di nastro per creare l'effetto a ragnatela e innumerevoli ore di lavoro per costruire la rete traslucida. L'installazione sembra una struttura parassita la cui leggerezza e traslucenza del nastro da imballaggio sono accentuate dal contrasto con l'architettura ruvida in cemento brutalista dell'edificio e dalle sue forme squadrate.

I Numen hanno realizzato altre strutture sospese simili a Tape, ma quest'ultima, dato proprio il contrasto con la struttura, assomiglia più di altre ad una ragnatela umana: "La struttura parassita ha formato una rappresentazione organica del flusso spaziale reale dell'edificio", raccontano gli artisti, "La struttura abitabile dell'installazione seguiva quindi le principali traiettorie dei movimenti dei visitatori, consentendo loro di muoversi lungo i soliti percorsi, solo in uno spazio elevato, chiuso, surreale di Tape". L'installazione al Des Moines Art Center si è conclusa il 21 gennaio ma presto verrà presentata altrove. I Numen hanno già esposto a Parigi, Francoforte e Vienna.