È prossimo al completamento il grattacielo più sottile di New York e del mondo. Con i suoi 435 metri di altezza, il 111 west 57th street svetta sul cielo della Grande Mela e sugli altri edifici della città con una forma esile unica al monco. Posizionato tra la sesta e settimana strada, il progetto dello studio SHoP Architects include anche l'iconico Steinway Building progettato nel 1925 da Warren & Wetmore.

Per costruire il 111 west 57th street, un tempo noto come 107 West 57th Street, è stata impiegata la più grande gru autoportante mai usata a New York. La torre è caratterizzata da una facciata nord liscia che affaccia su Central Park e dalla facciata sud scanalata che rastrema verso l'alto dando l'impressione che l'edificio scompaia nel cielo. Il rivestimento esterno delle facciate est ed ovest è stato inoltre realizzato artigianalmente con l'uso della tecnologia moderna. Ogni pannello è stato prodotto singolarmente, infornato e smaltato a mano. Il rivestimento crea una sorta di schema a strisce con sottili aperture di vetro e bronzo. Il progetto di SHoP Architects, composto dalla torre e dall'iconico Steinway Building, sarà un nuovo punto di riferimento nello skyline di Manhattan.

Gli interni sono stati progettati su misura dallo Studio Sofield, che ha realizzato un condominio di lusso tra i più eleganti ed esclusivi di New York. La ristrutturazione dell'iconico Steinway Building progettato nel 1925 da Warren & Wetmore ha previsto un'integrazione armoniosa secondo la filosofi dei classici grattacieli di New York. L'architettura della 111a West 57th street rende omaggio a Steinway – il grande costruttore di pianoforti – con la sua artigianalità e tradizione costruttiva: "La storia di 111 West 57th Street è un pezzo di musica in due grandi movimenti, che riunisce il meglio dell'età d'oro del design architettonico prebellico di New York City, con il meglio della creatività contemporanea di oggi nell'innovazione di design, ingegneria e costruzione.".