in foto: Photo credit Radbahn Berlin

Dalla stazione della metropolitana di Zoologischer Garten, nella zona ovest di Berlino, fino alla Warschauer Straße, a est, ci sono nove chilometri di binari sopraelevati che creano dei corridoi a livello stradale completamente inutilizzati. Tali corridoi superficiali oggi determinano anche ampie zone degradate come la lunga striscia d’asfalto tra Goerlitzer Bahnhof e Kottbusser Tor. Così il gruppo di architettura Radbahn Berlin, di cui anche due architetti italiani, Giulia Maniscalco e Stefano Tiracchia, hanno ideato un modo per utilizzare questo spazio sottostante la linea metropolitana: il progetto si chiama "Radbahn" e fornirà la prima pista ciclabile al coperto di Berlino.

Che Berlino sia il paradiso per le biciclette è risaputo: sono in molti ad usare la bicicletta per andare a lavoro, per uscire con gli amici, andare a cena fuori, al cinema o a bere un drink con gli amici. Anche i turisti che arrivano in città sono invogliati ad usare le due ruote dati i molteplici servizi a favore dei ciclisti. Ma fino ad oggi tutti i percorsi ciclabili sono sempre stati soggetti al tempo e le intemperie. Molti a Berlino sono gli appassionati delle due ruote, ciclisti che usano la bici indipendentemente dal meteo: con la neve, il freddo, il gelo, il vento o la pioggia, molti berlinesi usano le due ruote, non ciclisti occasionali dunque. Ma per convincere anche i meno coraggiosi ad usare la bicicletta, il team di Radbahn Berlin ha ideato un progetto di pista ciclabile al coperto che sfrutta i corridoi in disuso sotto la struttura metallica della U1. I ciclisti saranno più protetti, viaggeranno senza stress e andranno più veloci. Inoltre la Radbahn amplierà anche il percorso pedonale restituendo alla comunità più spazio pubblico dove passeggiare e godere della città. Il progetto si è aggiudicato anche un premio al Bundespreis Ecodesign 2015 nella categoria Konzept. "Al di là degli obiettivi puramente pratici e ambientali della Radbahn", spiega il team di progettazione, "questo progetto servirà inoltre a portare lo spirito creativo di Berlino alla sua realizzazione e a far avanzare il dibattito sulla mobilità in bicicletta in città".

Photo credit Radbahn Berlinin foto: Photo credit Radbahn Berlin