6 Settembre 2019
18:19

611 west 56th street, il primo edificio di Álvaro Siza negli Stati Uniti d’America

La torre “611 west 56th street” sta già facendo il giro del mondo. Il primo grattacielo progettato dall’architetto Alvaro Siza negli Stati Uniti d’America è un esempio di eleganza e si differenzia da tutti gli altri edifici di New York per la sua presenza monolitica caratterizzata da interni di lusso che già hanno eccitato il mercato immobiliare della città.
A cura di Clara Salzano

L'architetto più poetico ed elegante d'Europa sbarca negli Stati Uniti d'america, e di preciso a New York, con un grattacielo che si differenzia da tutti gli altri della Grande Mela per il suo aspetto monolitico. La torre "611 west 56th street" sta già facendo il giro del mondo per immagine e sono già in tanti ad aver mostrato l'interesse a voler acquistare un appartamento all'interno del grattacielo non ancora completato.

La "611 west 56th street" è una torre residenziale di 37 piani, situata all'angolo tra la 56a strada e l'undicesima. Alvaro Siza, architetto portoghese premio Priztker 1992, è il primo edificio che firma a New York. Il grattacielo comprende 80 appartamenti. Il progetto, ancora in fase di completamento, comprende la realizzazione di appartamenti da una, due o tre camere da letto oltre a viollette e attici su due livelli. Gli interni dell'edificio, progettati dal noto studio Gabellini Sheppard Associati sono progettati nei minimi dettagli e prevedono rifiniture di lusso. Molti degli appartamenti hanno inoltre accesso diretto all'ascensore dell'edificio.

Quando arrivo a New York, ho la stessa sensazione di quando arrivo a Venezia – mi sento come se fossi in un sogno. Quando arrivo al canal grande a Venezia, proveniente dalla stazione, è una festa. New York è così diversa, ma è anche una festa. sembra che nessuno abbia progettato i grandi edifici qui, è come una foresta di alberi.
Alvaro Siza in conversazione con il critico di architettura Paul Goldberger al Lincoln Center

La "611 west 56th street" fa parte di un piano di trasformazione del lato ovest di Manhattan, che va da Tribeca all'Hudson. Il progetto di Alvaro Siza prevede la realizzazione di una serie di spazi a disposizione dei residenti quali una sala fitness, un giardino paesaggistico, sale per yoga e boxe, una sala giochi per bambini, una sala multimediale con tavolo da biliardo, sale da pranzo per residenti e zone living. New York per tutti i grandi architetti è un banco di prova ed elemento d'ispirazione. La trama fitta e scandita di Manhattan è una sfida che Alvaro Siza ha colto di buon grado creando un edificio unico tra i grattacciali di vetro e vette della città che offre comfort e lusso ai suoi residenti.

La street art contro la guerra in Ucraina: dall'Italia agli Stati Uniti, il mondo si tinge di giallo e azzurro
La street art contro la guerra in Ucraina: dall'Italia agli Stati Uniti, il mondo si tinge di giallo e azzurro
Kanye West rivela YEEZY Home, il suo primo progetto di case popolari in California
Kanye West rivela YEEZY Home, il suo primo progetto di case popolari in California
Gardenhouse, l'edificio col muro vivente più grande d'America
Gardenhouse, l'edificio col muro vivente più grande d'America
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni