Sarà capitato a tutti di desidera all'interno di autobus affollato e maleodorante, soprattuto nei mesi più caldi dell'anno, di stare in una rinfrescante piscina piuttosto che ammassati all'interno di un mezzo di trasporto pubblico. L'artista Benedetto Bufalino ha trasformato il desiderio di molti in realtà convertendo un autobus, opportunamente ribaltato, in una piscina pubblica. L'opera si intitola appunto "la piscina degli autobus".

La piscina degli autobus può ospitare fino a dieci persone contemporaneamente ed è stata installata ad Artois, in Francia, nel mese di agosto. L'opera di Benedetto Bufalino riutilizza un autobus in disuso di Artois, che si trova a nord della Francia. Per realizzare la piscina pubblica, l'artista francese ha rimosso una fiancata dell'autobus, appositamente ribaltato, lo ha svuotato di tutti gli interni e li ha rivestiti in modo da permettere alla struttura di sopportare il carico d'acqua senza danneggiarsi.

L'auotubus è stato trasformato in una piscina completamente funzionante, che misura 2,3 metri di larghezza per 9 metri di lunghezza e 1,5 metri di profondità. La piscina è dotata di una scala nella parte posteriore che permette alle persone di entrare facilmente nell'acqua. C'è persino una piattaforma di salvataggio incorporata nel design del vecchio autobus. La temperatura dell'acqua è sempre compresa tra i 27 e i 29 gradi.

Non è la prima volta che Benedetto Bufalino trasforma un mezzo di trasporto in qualcosa di diverso. L'artista francese ha già convertito in passato una roulotte in una piscina mobile; ha scomposto una vecchia Ford Mondeo ricavandone un forno a legna per pizze completamente funzionante; ha diviso a metà un'automobile coupé Fiat per ricavarne una tavola calda; e ha reso un comune cartello stradale uno skateboard da utilizzare facilmente.