"L'idea alla base di questo progetto: creare una sensazione di instabilità e inutilità di tale architettura. Dal punto di vista dell'equilibrio, il volume è montato su una parete verticale, che allo stesso tempo non solo si erge su una roccia ma si trova anche di fronte.", così lo studio Yakusha Design descrive il suo progetto di una casa vacanze da vertigini sospesa su una scogliera a picco sul mare. Immaginata per un surfista che ama il pericolo, questa cabina di vetro sospesa sul mare sembra sfidare la forza di gravità.

Air è una casa vacanze estrema, posta sulla cima di una scogliera e ancorata a terra grazie ad un volume di calcestruzzo che funge da perno di sostegno. Concepita da Yakusha Design, Air è una scatola di vetro che sarebbe tagliata a metà da un piedistallo di cemento. Sembra una rivisitazione della pinna da surf: "Il supporto dell'elemento centrale occupa poco spazio interno, allo stesso tempo include la maggior parte delle comunicazioni ingegneristiche e massimizza la vista all'esterno della finestra.", raccontano i progettisti. Il piedistallo di cemento permette alla casa di restare sospesa sulla scogliera a picco sul mare e contemporaneamente funge da colonna centrale per i servizi.

All'interno la disposizione degli arredi è libera in modo che nulla interferisca con la vista. Lo spazio abitativo si sviluppa su una superficie di 46 metri quadrati e comprende una camera da letto panoramica, un salotto con cucina living e un bagno nascosto dietro alla parete su cui si poggia il letto matrimoniale. Linee rette, forme arrotondate di divani, lampade rotonde e stile etnico caratterizzano questa casa a picco sul mare. La casa è progettata per avere una vista a 270° sul panorama mozzafiato. E se temete che ci sia poca privacy in bagno,  Yakusha Design precisa: "abbiamo usato un vetro speciale con regolazione della trasparenza".