Il padiglione di ceramica per Casa Wabi è il primo progetto dell'architetto portoghese Alvaro Siza in Messico. Casa Wabi, progettata e supervisionata da Tadao Ando, è la fondazione d’arte fondata dall’artista Bosco Sodi alla periferia di Puerto Escondido, in Messico. L'imponente complesso si amplia di una nuova struttura all'aperto dedicata alla ceramica, che porta la firma di Alvaro Siza, dove i bambini che vivono nell'area possano apprendere le tecniche delle argille locali di Oaxaca.

Il padiglione di ceramica di Casa Wabi è un edificio aperto, circondato da un muro di mattoni e sormontato da un tetto fatto di palme secche e legno, dove viene insegnata la modellazione dell'argilla; i pezzi realizzati dalle officine vengono poi qui esposti e c'è spazio anche per una cantina, bagni e il forno. Il complesso progettato dall'architetto portoghese Álvaro Siza sarà usato anche come parte del progetto di residenze d'artista di Casa Wabi a Puerto Escondido, in Messico. Il padiglione ospiterà, oltre alle lezioni di apprendimento delle tecniche della ceramica per i bambini del posto, anche una serie di seminari con l'intenzione di avvicinare le nuove generazioni all'uso dei materiali nella regione.

L'idea del progetto è stato suggerito dal personale di Casa Wabi che ha sottolineato come l'insegnare la tecnica e il processo di gestione del fango sarebbe uno strumento molto positivo per la comunità: "Speriamo che nel prossimo futuro questo programma contribuirà al rilancio economico e culturale dell'uso delle argille locali della costa di Oaxaca", ha dichiarato l’artista Bosco Sodi, fondatore di Casa Wabi.

Il padiglione costruito da Alvaro Siza ha vari elementi di riferimento al genius loci, come il tetto di paglia, formato da rami di palma essiccati e una cornice di legno, che si rifà ad un tradizionale metodo di costruzione noto nella regione come Palapa, già usato da Tadao Ando per realizzare gli altri edifici della Fondazione. Sotto il palapa principale, alto 7 metri, si svolge tutta la vita del padiglione dove è presente un grande tavolo in cemento al centro, docce esterne e un forno in cui poter cuocere i manufatti realizzati dai bambini che verranno esposti a Casa Wabi per avvicinare la comunità locale all'arte.