29 Luglio 2021
17:05

La cabina nel bosco che si espande nella natura è il progetto dell’anno

Il design olandese della cabina espandibile ANNA vince il prestigioso premio Architizer A+ Awards 2021 Project of the Year. Progettato per vivere immersi nella natura attraverso la configurazione dei suoi strati, ANNA Stay è una casa dinamica in legno a forma di piattaforma aperta, che consente di adattare il suo esterno in legno e l’interno in vetro a qualsiasi occasione, umore o condizione atmosferica.
A cura di Clara Salzano

La versatile cabina in legno, ANNA Stay, del designer olandese Caspar Schols, ha vinto l'acclamato premio a livello internazionale Architizer A+Awards Project of the Year Award 2021. Progettata per vivere immersa nella natura grazie alla configurazione dei suoi strati, ANNA Stay è una casa dinamica in legno a forma di piattaforma aperta, che consente di adattare il suo esterno in legno e l'interno in vetro a qualsiasi occasione, umore o condizione atmosferica.

L'idea di ANNA Stay nasce dal desiderio di convivere con gli elementi della natura, piuttosto che schermarli. "Si tratta principalmente di stare all'aperto e di creare un'interazione dinamica tra te stesso, la cabina ANNA come casa tua e la natura", spiega Schols.“Con ANNA Stay, vogliamo invitare le persone a sperimentare la vita all'aria aperta e a creare una connessione più profonda con la natura, se stessi e gli altri. Crediamo che il miglioramento di questa sensibilità si tradurrà in più amore e cura per la natura, il pianeta e per le persone in generale”, commenta il designer Caspar Schols in seguito alla ricezione dei Architizer A+Awards Project of the Year Award 2021. Con oltre 5.000 candidature, provenienti da più di 100 paesi, l'Architizer A+Awards è il più grande programma di premi al mondo per l'architettura e i prodotti per l'edilizia, con cinque premi Project of the Year assegnati che promuovono l'impatto dell'architettura sulla vita quotidiana.

Senza alcuna formazione architettonica, Schols ha realizzato Anna Stay dopo che sua madre gli ha chiesto di progettare una casa da giardino. Il desiderio era quello di creare una connessione dinamica tra uomo, natura e casa, così ha immaginato uno spazio flessibile dove potesse leggere o dipingere, organizzare cene di famiglia e dove i suoi nipoti potessero visitare e mettere in scena spettacoli teatrali. Il nome del progetto è ovviamente dedicato alla madre. La cabina è costituita da due diversi ‘gusci' come pareti esterne, supportati su rotaie. La parete interna, comprende un'intelaiatura di legno e vetro ed è separata dalla parete esterna. Spostando i gusci e la struttura in vetro, sono possibili diverse configurazioni. "Proprio come aggiusti i tuoi vestiti in base al tempo, al tuo umore o all'occasione", continua Schols. La capacità di ANNA di adattarsi e cambiare consente ai suoi abitanti di seguire i propri desideri: “Dà la libertà di vivere in mezzo all'abbondanza di vita e coltiva un senso di appartenenza.", continua il designer, "Diventi parte di tutto ciò che ti circonda e credo che tutti riconoscano quella sensazione profondamente dall'interno".

Queste case scompaiono nel bosco per vivere completamente immersi nella natura
Queste case scompaiono nel bosco per vivere completamente immersi nella natura
L'Edificio Bosco in Germania che sfida il Bosco Verticale di Milano
L'Edificio Bosco in Germania che sfida il Bosco Verticale di Milano
L'hotel che ti riconnette con la natura
L'hotel che ti riconnette con la natura
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni