183 CONDIVISIONI
4 Giugno 2014
11:24

Aperte le Capsule del Tempo di Andy Warhol

Una delle Time Capsules di Andy Warhol è stata finalmente aperta: cosa ha conservato l’artista Pop più famoso al mondo dal 1974 fino alla sua morte?
A cura di Clara Salzano
183 CONDIVISIONI

Dal 1974 Andy Warhol ha riempito scatole di cartone con oggetti effimeri della vita di tutti i giorni, da fotografie e cartoline fino a ritagli di giornali e opere d'arte. 612 sono le ‘Capsule del Tempo' che l'artista Pop più famoso d'America ha raccolto per i posteri fino alla sua morte nel 1987. Oggi queste preziose scatole d'arte effimera sono conservate al Warhol Museum di Pittsburgh, recentemente rinnovato, che venerdì 30 maggio 2014 ha compiuto un passo importante: la Capsula 21 è stata aperta.

Gli archivi sono parte del lavoro di una vita dell'artista e le Capsule del Tempo sono la più grande collezione unica di cose effimere che documentano i diversi mondi in cui Warhol è stato attivo. La collezione si compone di oltre 8.000 metri cubi di materiale – forse mezzo milione di oggetti – e funziona come parte integrante del Museo Warhol, insieme con i suoi dipinti, film, opera video, scultura e grafica. La collezione comprende album di ritagli di stampa relativi al lavoro di Warhol e la sua vita privata e pubblica; rifornimenti di arte e materiali utilizzati da Warhol; manifesti che pubblicizzano le sue mostre e film; circa 4.000 registrazioni audio di conversazioni tra Warhol e i suoi collaboratori; migliaia di fotografie documentarie; una collezione quasi completa di Interview magazine, che Warhol aveva co-fondato nel 1969; la sua vasta biblioteca; centinaia di oggetti d'arte decorativa; molti oggetti personali come vestiti, oltre trenta delle parrucche bianco-argento che divennero una delle caratteristiche fisiche di Warhol.

Le capsule del tempo sono nate su suggerimento di uno degli assistenti di Warhol, nel periodo in cui l'artista stava preparando a trasferirsi nel nuovo studio. Invece di chiudere semplicemente gli oggetti da portare in una scatola, il personale ha suggerito ad Andy di riporli come un'opera d'arte in sé. Warhol ha avuto l'idea, e ha continuato ad archiviare queste capsule temporali – come Warhol li ha descritti – fino alla sua morte prematura. Questo lavoro seriale, che coprono un periodo di trenta anni, dal 1960 alla sua morte nel 1987, si compone di 612 contenitori (principalmente scatole di cartone di dimensioni standard), che Warhol, a partire dal 1974 ha riempito, sigillato e inviato allo stoccaggio. Warhol usato queste caselle per gestire la quantità sconcertante di materiale che abitualmente passava attraverso la sua vita. Fotografie, giornali e riviste, lettere di fan, le imprese e la corrispondenza personale, opere d'arte, immagini sorgente per opere d'arte, libri, cataloghi di mostre e messaggi telefonici, insieme con oggetti e innumerevoli esempi di cose effimere, come annunci di letture di poesie e inviti a cena, sono stati collocati su una base quasi quotidiana in una scatola tenuta comodamente accanto alla sua scrivania.

Originariamente Warhol non era affatto convinto dell'operazione in realtà, quasi indifferente verso di essa. Egli cita le scatole nel suo libro del 1975, ‘La filosofia di Andy Warhol (Dalla A alla B and Back Again)': ‘La cosa che si dovrebbe fare è tenere una scatola per un mese, e mollare tutto in essa e alla fine del blocco mese gettarla… Si dovrebbe cercare di lasciare una sua traccia, ma se non si può e si perde, va bene lo stesso, perché è una cosa in meno a cui pensare, un altro carico in meno fuori dalla mente". Ma oggi siamo certi che i contenuti delle Capsule del Tempo siano fondamentali per capire la vita di Andy Warhol e le sue ripercussioni sulla storia moderna. Da una foto di Debbie Harry di ritagli di giornale, nella Capsula 21 aperta recentemente ogni elemento è accuratamente descritto e catalogato. Tutti possiamo prenderne coscienza cliccando qui e vedere che tipo di cose Warhol ha ritenuto opportuno lasciare ai posteri come testimonianza di sè e del 20° secolo.

183 CONDIVISIONI
Archist City: se le opere d'arte più famose fossero edifici
Archist City: se le opere d'arte più famose fossero edifici
All'asta in Belgio una capsula spaziale dell'era sovietica
All'asta in Belgio una capsula spaziale dell'era sovietica
121 di Cronaca
Tokyo, apre il primo Capsula Hotel in aereoporto
Tokyo, apre il primo Capsula Hotel in aereoporto
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni