I bambini di Arcugnano, un comune veneto in provincia di Vicenza, oggi vanno fieri della propria scuola materna. Non sembra di andare all'asilo ogni mattina ma in un mondo di colore e allegria grazie all'ultima opera dell'artista Okuda San Miguel. L'edificio anonimo del comune è stato infatti trasformato in un vero capolavoro d'arte grazie all'intervento dello street artist. Ogni facciata dell'asilo di Arcugnano oggi è un'esplosione di colori. Quelli che erano grigi muri di una comune scuola materna italiana adesso sono opere d'arte a cielo aperto.

Arcugnano non è un tipico paese di provincia: nonostante si tratti di un piccolo comune con poco meno di 8000 abitanti, Arcugnano si candida ad essere uno dei paesi più all'avanguardia d'Italia grazie alla street art. Il comune veneto infatti negli ultimi anni ha puntato sull'arte per rivitalizzare il territorio e dare nuovo impulso ai suoi abitanti. L'ultima iniziativa ha interessato l'asilo della di Arcugnano dove lo street artist Okuda San Miguel è stato invitato a creare dei murales sulle facciate dell'asilo. Leoni, orsi, uccelli sono i soggetti dipinti da Okuda nel suo tipico stile super colorato. L'operazione è costata 36000 euro che sono stati finanziati grazie al bando della Regione Veneto dedicato ai giovani e all’arte, Fotogrammi Veneti, a cui il Comune di Arcugnano ha partecipato allo scopo di coinvolgere i più giovani in un progetto di ampio respiro. Dal 2014 nel paese in provincia di Vicenza si svolge infatti l'Arcugnano Street Art Week, un progetto di arte pubblica teso alla riqualificazione urbana, culturale e sociale del comune attraverso la realizzazione di opere da parte di grandi artisti internazionali.

Al posto di un'anonima scuola ora ci sono cinque capolavori di street art. L'ultimo intervento di Okuda San Miguel ad Arcugnano è stato ispirato, per i soggetti scelti e i colori, dall'atmosfera intorno all'artista: durante la realizzazione dei murale i bambini dell'asilo hanno seguito costantemente il lavoro di Okuda. Lo street artist spagnolo, classe 1980, è solito farsi influenzare dal contesto intorno al luogo di intervento: di recente ha avuto grande risonanza internazionale il suo lavoro a Llanera, in Spagna, dove ha trasformato una chiesa in uno skatepark coloratissimo e spettacolare.