Il più celebre street artist del mondo, Banksy, ha aderito alla campagna #WithSyria per sostenere le vittime della guerra civile, che sta devastando la Siria da tre anni. In occasione di quest'anniversario, Banksy è intervenuto rivisitando la sua celebre ‘bambina col palloncino a cuore' in un'immagine in bianco e nero pubblicata qualche giorno fa sul suo sito, e in un corto d'animazione con musiche di Elbow e voce narrante dell’attore britannico Idris Elba, in cui la bambina viene rappresentata come una giovane profuga siriana.

"Il 6 marzo 2011, nella città siriana di Daraa quindici bambini sono stati arrestati e torturati per aver dipinto dei graffiti anti-autoritari. Le proteste che seguirono la loro detenzione ha portato ad uno scoppio della violenza in tutto il paese che ha visto una rivolta nazionale trasformarsi in una civile guerra costringendo 9,3 milioni di persone ad allontanarsi dalle proprie case", scrive Banksy sul suo sito. E il 15 marzo 2014 si celebrano, con veglie ed eventi vari in tutto il mondo, i tre anni da quando le forze di sicurezza di Assad arrestarono quei 15 bambini, colpevoli di aver scritto su un muro gli slogan della primavera araba rivolgendoli al regime di Damasco.

Banksy–The girl with balloon
in foto: Banksy–The girl with balloon

La campagna #WithSyria è stata promossa da varie organizzazioni, tra cui Amnesty International, Oxfam, Save The Children e molte altre: tre anni di guerra hanno provocato oltre 100.000 vittime e 2.500.000 profughi. Justin Forsyth, direttore generale di Save the Children di recente ha dichiarato: "Per tre anni i bambini della Siria hanno sopportato sofferenze inaccettabili. L'impatto della crisi è stato devastante. La veglia del 15 marzo a Londra, e le veglie in tutto il mondo, sono per mostrare al popolo della Siria che ci interessano e che noi chiediamo ai leader mondiali di agire per porre ormai fine a questo conflitto".

Banksy #WithSyria
in foto: Banksy #WithSyria

L'immagine di Banksy verrà appunto utilizzata per promuovere la campagna #WithSyria e il corto dell'artista verrà proiettato sui monumenti simbolo di diverse città, tra i quali la Tour Eiffel e la Colonna di Nelson a Trafalgar Square: "In tutto il mondo, le persone stanno mostrando ad ogni bambino, donna e uomo coinvolto nel conflitto che siamo con loro, che siamo #WithSyria. Noi diremo ai nostri leader: non lasciate che il popolo siriano viva un altro anno di spargimento di sangue e sofferenza", conclude Banksy sul suo sito, "C'è sempre speranza".