L'inverno, si sa, è la stagione in cui le arance, i mandarini, i pompelmi ma anche i limoni riempiono l'aria con il proprio profumo, sono più saporiti e risultano indispensabili contro i malanni di stagione fornendoci il giusto apporto di vitamine necessarie per affrontare il freddo inverno. Ma degli agrumi utile e utilizzabile non è solo la polpa per il suo contenuto di vitamina C e sapore, anche le bucce degli agrumi, che siamo sempre portati a gettare via, hanno in realtà un vasto uso una volta mangiato l'agrume. Non buttate via dunque le bucce degli agrumi perché possono essere riutilizzate in diversi modi che non avreste mai immaginato.

Le bucce degli agrumi non devono per forza essere cestinate, possono essere riciclate e riutilizzati in casa e in giardino in tanti modi creativi. I modi più comuni che si conoscono per riutilizzare le scorze degli agrumi sono quelli di farne sacchetti profumati per armadi e cassetti di vestiti semplicemente avvolgendole, una volta essiccate al sole, in fogli di carta forno; oppure le bucce possono essere strofinate sul piano cottura e i lavelli della cucina (o qualsiasi metallo) per disinfettare: una volta passato l'agrume sciacquare con un panno umido e tutto brillerà e profumerà come nuovo; o ancora potete utilizzare le bucce d'arancia essiccate nel camino; per far bruciare di più i trucioli di legno e spargere un buon odore in casa.

Con le scorze di agrumi potete creare come una mangiatoia per uccelli: dividete l'arancio o il limone a metà scavando la buccia e togliendo la polpa, passate uno spago nella scorza, in quattro punti diversi con un ago da lana, e appendetela ad un albero o una recinzione, riempendola di mangime per uccelli, avrete così la vostra mangiatoia semplice da realizzare ed economica. Scavando la buccia di un agrume e facendola essiccare al sole si può anche ottenere un comodo porta candele e per i più creativi la scorza può essere intagliata per creare magici effetti luminosi con le candele all'interno.

Il giovane designer Ori Sonnenschein ha realizzato la Solskin Peels, una collezione di stoviglie ricavate dalle bucce degli agrumi. Piatti, bicchieri, posate e vassoi sono realizzati manipolando le scorse di arancia per ottenere la forma desiderata. La buccia viene rivestita di un materiale organico, chiamato shellaq, che consente all'oggetto di preservare la sua forma per un lungo periodo. Ogni elemento ottenuto può essere usato e lavato normalmente, una volta consumato troppo risulta anche biodegradabile al 100%.