Gira in lungo e in largo tutte le discariche e i cassonetti di Los Angeles Carolina Fontoura Alzag per trovare vecchie catene di biciclette da riciclare. Non deve essere semplice trovare un oggetto e immaginarne una funzione completamente diversa: è quello che riesce a fare la giovane artista di Los Angeles quando crea incredibili lampadari dal riciclo di catene di biciclette.

Sembrano lampadari di epoca vittoriana visti da lontano, ma con uno sguardo più da vicino ci si accorge che il materiale di cui sono fatti proviene da pezzi di vecchie biciclette: catene, ruote, ingranaggi di bici trovate in discariche o abbandonate vengono riassemblati per creare incredibili punti luce per abitazioni, ristoranti, locali e molto altro ancora. I lampadari pomposi sono in genere simbolo di case borghesi o ricche, ma con i suoi oggetti d'illuminazione Carolina Fontoura Alzag inverte il ruolo comune di certi lampadari imponenti utilizzando appunto materiali di riciclo al posto di elementi di lusso.

Ogni pezzo è creato a mano ed è un oggetto unico, questo spiega il costo anche piuttosto elevato di ogni opera che varia 1600 euro a salire. La serie di lampadari creata da Carolina Fontoura Alzag si chiama Connect. Ogni lampadario è fornito con un numero di serie ed un certificato di autenticità, può essere personalizzato su richiesta e viene consegnato in tinta originale o in nero. Le catene utilizzate per realizzare gli incredibili lampadari dell'Alzag non prevedono finiture ma sono  lavorate così come vengono trovate in discarica dall'artista. L'idea è proprio quella di ridare nuova funzione a un oggetto ormai in disuso ed abbandonato. Ancora più significativa è la scelta di creare dei lampadari dall'aspetto piuttosto austero, quasi reverenziale nei confronti della tradizione, ma con tecniche e materiali completamente contemporanei che rispettano l'ambiente e creano un'atmosfera unica in ogni ambiente.