"Le sedie sono testimoni importanti del loro tempo. Ciò è vero indipendentemente dal fatto che esprimano la moda di una tendenza momentanea o rappresentino un'idea epocale. Sono ritratti dei loro utenti e riflessioni sui metodi di produzione da cui emergono. Così siamo in grado di percepire e comprendere un'epoca – la sua organizzazione sociale, i suoi materiali e la sua tecnologia, i suoi gusti estetici – osservando le sue sedie. Direi persino che le sedie sono più sfaccettate rispetto a qualsiasi altro oggetto quotidiano. ", racconta Rolf Fehlbaum, Presidente emerito di Vitra che ha pubblicato il primo film sulla storia della sedia moderna, dal 1800 ad oggi. Si chiama "Chair Times" ed è un documentario che mette in relazione il mondo del design delle sedie con i propri periodi storici di produzione.

Un mare di sedie è protagonista del film "Chair Times". Attraverso la storia di 125 oggetti di design, il film prodotto da Vitra percorre la linea temporale del design moderno di sedute, dal 1807 fino agli ultimi disegni stampati in 3D. Nel film tutte le sedie sono poi esposte nel Vitra Schaudepot, all'interno del Vitra Museum a Basilea che da solo vale un viaggio per le meraviglie architettoniche che colleziona in un immenso campus in Svizzera. Le relazioni tra le sedie e i propri periodi di produzione, che determinano spesso anche la ragione della forma della seduta stessa, viene spiegata da vari designer come Hella Jongerius, Antonio Citterio e Ronan Bouroullec, gli architetti e collezionisti Arthur Rüegg e Ruggero Tropeano, l'architetto David Chipperfield, Peter Noever come direttore emerito del MAK Vienna / Los Angeles, il direttore del Vitra Design Museum Mateo Kries e I curatori VDM Amelie Klein e Jochen Eisenbrand e il curatore della collezione VDM Serge Mauduit. Rolf Fehlbaum è la guida in questo viaggio nella storia della sedia.

Il mondo delle sedie è poliedrico. Da quelle con la scocca in legno sagomata fino ai modelli stampati in 3D, il viaggio nella storia delle serie è ricco di curiosità. Si parte dal 1825 con la sedia da giardino in ghisa dell'architetto prussiano e urbanista Karl Friedrich Schinkel, semplice e robusta, che fu resa possibile solo dall'industrializzazione di fine ‘700 e anticiperà il principio costruttivo della poltrona di Barcellona di Ludwig Mies van der Rohe del 1929. In seguito fu la tecnologia del legno curvato a divenire rapidamente il metodo più razionale per fabbricare una sedia a livello industriale: il n. 14 del maestro falegname Michael Thonet, divenne un successo mondiale: 50 milioni di sedie vendute fino al 1930. Poi ci saranno i celebri modelli disegnati da Charles Rennie Mackintosh, Josef Hoffmann, Frank Lloyd Wright, Gerrit Rietveld, Charles e Ray Eames, e molti altri ancora fino ai giorni nostri.