10 Febbraio 2014
14:19

Chioschi ambulanti 2.0: ecco il futuro delle vendita da strada

Lo studio Make Architects ha realizzato chioschi da strada che si aprono come giganteschi origami di carta giapponese.
A cura di Clara Salzano

Aperti per la prima volta in occasione del Canary Wharf’s Ice Sculpturing Festival il mese scorso, in una piazza pubblica di Londra, Canary Wharf, due chioschi unici di vendita al dettaglio, progettati dallo studio londinese Make Architects, hanno conquistato il pubblico della manifestazione.

Il progetto si basa sul concetto di origami giapponesi, ma anzichè essere costruito in carta, la struttura è riprodotta in metallo per creare una costruzione compatta e robusta che può ospitare venditori ambulanti: una scatola scultorea quando è chiusa che si trasforma una volta aperta, con pieghe e cerniere in pannelli di alluminio che consentono loro di espandersi e contrarsi come un ventaglio. La struttura ripiegata è costituita infatti da pannelli di alluminio incernierati che si irradiano da un asse centrale e sono trattati con un rivestimento resistente alla polvere.

Sean Affleck dello studio Make ha dichiarato: "La nostra soluzione per il moderno chiosco da strada è una scatola rettangolare scultorea distintiva che si trasforma quando si apre e rivela la sua funzione. Il design è anche efficiente e funzionale con caratteristiche di facile manutenzione e durabilità contro gli atti vandalici ed a prova di graffiti. Gli elementi interni possono essere modificati per soddisfare le esigenze dei singoli fornitori".

Un sistema di contrappesi controllato da un argano solleva la parte anteriore del chiosco verso l'alto dalla base per creare un'apertura che rivela l'interno. La sezione piegata forma una tettoia che protegge l'interno e chiunque si fermi davanti al banco. Lo spazio interno, di misura 1,95 per 3 metri, è rivestito con una pelle multistrato e una una membrana impermeabile, mentre un ulteriore strato di rivestimento crea un'intercapedine isolante per ridurre l'impatto del sola sull'abitacolo.

La struttura portatile estremamente leggera è stato testata e prefabbricata off-site da Entech Environmental Technology Ltd, per poi essere trasportata a Canary Wharf via camion e installata lì con una semplice operazione di pre-assemblaggio. I chioschi sono stati creati per svolgere molteplici funzioni in luoghi diversi: sono stati progettati per essere utilizzati ovunque e per una moltitudine di scopi, da servire il caffè, a punti di informazione, per un posto per i DJ in occasione di eventi.

Choux d'Enfer: Alain Ducasse apre a Parigi il primo chiosco di sweet food
Choux d'Enfer: Alain Ducasse apre a Parigi il primo chiosco di sweet food
Il futuro è nelle mani del DigitalDemocracyLeader, dirigenti 2.0
Il futuro è nelle mani del DigitalDemocracyLeader, dirigenti 2.0
313 di Viral Tech
Questo villaggio sostenibile e stampato in 3D è la città del futuro
Questo villaggio sostenibile e stampato in 3D è la città del futuro
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni