Con una popolazione di quasi 30 milioni, il numero di telefoni cellulari in Cina è prossimo al punto di saturazione, non sorprende dunque che l'enorme città cinese di Chongqing sta avendo problemi con i cittadini smartphone-ossessionati che camminano per le strade sepolti nei loro cellulari. Con la crescente popolarità degli smartphone, sempre più giovani in Cina sono incollati agli schermi, un fenomeno che preoccupa molti esperti. Si stima che il numero di utenti di smartphone in Cina supererà 500 milioni quest'anno. Nel tentativo di mantenere il traffico pedonale sicuro e scorrevole, nonché di ridurre le probabilità di potenziali incidenti che coinvolgono gli utenti dei telefoni che camminano senza guardare, i funzionari della città hanno introdotto il primo marciapiede per la telefonia mobile.

Penso che abbiamo tutti sperimentato il fastidio di camminare nelle vicinanze di qualcuno che sta usando il proprio smartphone: il comportamento tipico include camminare dappertutto, variazioni di velocità o arresto improvviso. Così a Chongqing, in Cina, è apparso il primo "marciapiede per telefonia mobile" in un punto panoramico della città. Chongqing è una grande città nel sud-ovest della Cina e una delle cinque città centrali nazionali nella Repubblica popolare cinese. Il marciapiede – 3 metri di larghezza e 50 metri di lunghezza – separa i pedoni lungo due percorsi: uno è per utenti di telefonia cellulare che camminano a testa in su; l'altra è per quelli non ossessionati dai propri smartphone. Un segnale di avvertimento proclama: "Telefoni cellulari a piedi in questa corsia a vostro rischio e pericolo".

La corsia per i telefoni è stata suddivisa ulteriormente in altre corsie per garantire agli utenti di muovono nella stessa direzione, mentre giocherellano con i loro telefoni. Un paio di mesi fa un programma del National Geographic ha fatto la stessa cosa con un tratto di marciapiede a Washington, DC, anche se in quella occasione era parte di un esperimento scientifico sul comportamentale umano. Con un aumento dei cosiddetti "incidenti di pedoni distratti" collegato direttamente a una maggiore titolarità cellulare, un certo numero di start-up hanno sperimentato soluzioni per affrontare il problema. Juan David di Hincapié-Ramos ha inventato il sistema CrashAlert che, per esempio, utilizza sensori per analizzare l'ambiente circostante di un utente del telefono a piedi, avvertendoli di diversi ostacoli e pericoli. E se siete per strada ascoltando musica con le cuffie, New One Llama sta sviluppando una tecnologia che vi avverte di rumori pericolosi nelle vicinanze come le sirene o lo stridore di pneumatici che frenano.