102 CONDIVISIONI
27 Aprile 2021
14:28

Com’è fatta la prima casa stampata in 3D in terra cruda

È stato completato il primo modello innovativo di abitazione ecosostenibile stampato in 3D realizzato interamente in terra cruda locale. Progettato dallo studio di architettura Mario Cucinella Architects e World’s Advanced Saving Project (WASP), il primo prototipo di TECLA (Technology and Clay) si trova in provincia di Ravenna, si ispira a una delle città invisibili di Italo Calvino e offre una casa sostenibile a km 0 per tutti.
A cura di Clara Salzano
102 CONDIVISIONI

"Ci piace pensare che TECLA sia l’inizio di una nuova storia, sarebbe veramente straordinario dar forma al futuro attraverso la trasformazione di questa materia antica con le tecnologie che abbiamo a disposizione oggi. L’estetica di questa casa è il risultato di uno sforzo tecnico e di materia, non è stato un approccio solo di natura estetica. E’ una forma onesta, una forma sincera.", con queste parole Mario Cucinella, Fondatore e Direttore Creativo di Mario Cucinella Architects, presenta TECLA, il primo modello innovativo di abitazione ecosostenibile stampato in 3D interamente in terra cruda locale che è stato realizzato a Massa Lombarda, in provincia di Ravenna.

TECLA è diventata realtà a Massa Lombarda (Ravenna). Nato in collaborazione con MC A – Mario Cucinella Architects – e WASP – World’s Advanced Saving Project, il progetto rappresenta un innovativo modello circolare di abitazione che si ispira metaforicamente a una delle città invisibili di Italo Calvino – la città in continua costruzione. Il nome TECLA è stato scelto per evocare "il forte legame tra passato e futuro unendo la materia e lo spirito di antiche dimore senza tempo con il mondo della produzione tecnologica del XXI secolo.", spiegano gli architetti", "TECLA risponde alla sempre più impellente emergenza climatica, al bisogno di abitazioni sostenibili a km 0 e al grande tema globale dell’emergenza abitativa cui si dovrà fare fronte, specie nei contesti di crisi generati ad esempio dalle grandi migrazioni o da catastrofi naturali".

Ci voglio 200 ore di stampa per realizzare la prima casa stampata in 3D in terra cruda. Non esistono sprechi e il prototipo rappresenta un esempio pionieristico di abitazione a basse emissioni di carbonio. Il design della struttura è caratterizzato da forme fluide continue interrotte solo da due lucernari circolari che veicolano la luce zenitale. La casa si sviluppa in un'area di circa 60 metri quadrati che comprende una zona giorno con cucina e una zona notte con servizi annessi. Gli arredi, in parte stampati in terra locale assieme all’involucro e integrati nella struttura in terra cruda, e in parte studiati per essere riciclati o riutilizzati, rispecchiano la filosofia di modello circolare di abitazione. "TECLA dimostra che una casa bella, sana e a basso impatto può essere costruita da una macchina informando la materia che si trova sul posto.", aggiunge Massimo Moretti – Fondatore di WASP, "TECLA è il dito che indica la Luna. La Luna è la casa come diritto di nascita per ogni uomo sulla terra. Possibile già adesso da TECLA in avanti.".

102 CONDIVISIONI
Un senzatetto diventa il primo abitante di una casa stampata in 3D  in America
Un senzatetto diventa il primo abitante di una casa stampata in 3D in America
Questa è la prima coppia che si trasferisce in una casa stampata in 3D: ecco come si vive
Questa è la prima coppia che si trasferisce in una casa stampata in 3D: ecco come si vive
Questa bellissima casa è stampata in 3D ed è in vendita
Questa bellissima casa è stampata in 3D ed è in vendita
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni