Chi ama cucinare sa quanto siano fondamentali in cucina i taglieri, che siano di plastica o di legno, ma forse non sa che ci sono anche tanti modi originali per riutilizzarli in casa quando sono troppo usurati o se ne hanno troppi. Capita a tutti sicuramente di aver avuto un tagliere, che dopo anni di tagli di verdure, formaggi, salumi e altri alimenti, inizia a dimostrare qualche segno di troppo del tempo che passa. I manici in genere sono le prime cose che si rompono. Ma un tagliere, anche quando troppo segnato dal tempo, non per forza deve essere gettato via: sono tante le idee per riciclarlo in casa. Se poi in cucina si ha di quei vecchi e grossi taglieri di legno, buttarli sembra proprio un peccato: ci sono poi alcuni modi che consentono di sfruttare il tagliere anche con altri usi ma lasciando efficace la sua funzione primaria.

I taglieri da cucina possono avere molti più usi di quel che si pensi: un vecchio tagliere di legno, ad esempio, anche col suo aspetto vissuto, può essere riutilizzato in casa come bacheca per poter fissare biglietti, promemoria o messaggi d'amore. un tagliere, anche di plastica, può essere un ottima base per un'opera d'arte in casa. Si può ottenere una sorta di leggio dal riciclo di un tagliere e, poiché siamo nell'era della digitalizzazione sfrenata, il leggio può essere usato per mantenere il tablet da cui leggere tutte le proprie ricette preferite mentre si cucina; e alcuni taglieri, nonostante la trasformazione, possono anche conservare la loro originaria funzione.

Con un vecchio tagliere si può creare una lampada di design. Si può riciclare un tagliere per creare, apportando i giusti fori, un porta piante da centrotavola. Lasciando invece il tagliere alla parete e fissando dei contenitori, dello stesso materiale del tagliere o di tessuto, si possono realizzare dei porta oggetti, dei porta posate o dei porta piante. Riutilizzando il proprio tagliere si possono creare dei ripiani in cucina o altre stanze della casa. Tanto i modi creativi per riciclare in casa i taglieri.