Copenaghen, fresca della nomina di Capitale Verde d'Europa per il 2014 dalla Commissione Europea per l'Ambiente, è in prima fila in fatto di ambiente ed eco-sostenibilità. L'anno verde è stato inaugurato e durante tutto l'arco del 2014 ci saranno tanti eventi e incontri per sottolineare le soluzioni sostenibili della capitale, che possono essere utilizzate anche altrove. Acque di balneazione pulite, parchi e riserve naturali rendono le città più attraenti e migliori per vivere. Una città verde è anche più resiliente ai cambiamenti climatici. Oggi, ad esempio, è possibile immergersi nel porto di Copenaghen; il 96% degli abitanti della capitale danese può raggiungere a piedi una grande area verde o blu in meno di 15 minuti; e nuovi giardini urbani stanno invadendo la città. La capitale danese è inoltre la favorita a diventare la prima città al mondo "carbon free" entro il 2015, avendo sviluppato un lifestyle incentrato su modi di pensare e di vivere ecosostenibili – dai corsi d'acqua puliti alla cultura della bicicletta, dagli hotel ecologici alla cucina a km0.

Oggi più di due terzi degli europei vive in città. Nelle aree urbane si concentrano la maggior parte delle sfide ambientali che la nostra società deve affrontare. Il premio Capitale verde europea è stato concepito per promuovere e premiare questi sforzi. Copenaghen ha vinto il prestigioso premio perché la città eccelle nel combinare soluzioni sostenibili con la crescita e la qualità della vita, e perché condivide tale conoscenza con il resto del mondo. Così i giovani architetti di Copenaghen, stanno progettando edifici e infrastrutture che mirano a essere ecologicamente validi senza sacrificare comodità e piacere, che è sinonimo di uno stile di vita urbano eccellente. Non esistono standard globali ufficiali per gli edifici verdi, ma sono centinaia, se non migliaia, gli esempi di edilizia sostenibile che si possono trovare a Copenaghen:

8 Tallet – BIG (Bjarke Ingels Group)

8 Tallet, che in danese sta per 8 Case, supera la capacità della maggior parte degli altri insediamenti residenziali verdi in Danimarca e nel mondo, tanto da vincere il premio World Housing Building of the Year. Progettato dallo studio BIG (Bjarke Ingels Group) a Ørestad, un quartiere a nord di Copenaghen di recente pianificazione, ha quasi 500 appartamenti e incorpora un quartiere commerciale, in modo che i residenti non hanno bisogno di bruciare combustibili fossili per fare la spesa o un caffè. Il complesso, ufficialmente inaugurato nel 2010, è orientato per catturare il più possibile la luce del giorno, ed è caratterizzato da1.700 metri quadrati di tetto verde che aiuta a deviare i raggi duri e mantenere i terreni freschi.

Blu Planet – 3XN Studio

Contenente circa 7 milioni di litri di acqua, il Pianeta Blu è il più grande acquario d'Europa e contiene un totale di 53 acquari e display, abitazioni oltre 450 specie diverse di pesci e creature che possono essere trovati in fiumi, laghi e oceani. L'edificio comprende una serie di ali curve, progettata per imitare le forme generate dal vorticoso movimento dell'acqua, ed è rivestito di scandole di alluminio luccicanti che ricordano squame di pesce. "Il design di The Blue Planet è basato sulla storia di acqua e di vita sotto il mare. Abbiamo visualizziamo la costruzione come un vortice che attira visitatori in profondità alle esperienze affascinanti attesa tra pesci e animali marini provenienti da tutto il mondo".

Copenaghen Incinerator

BIG ha progettato un inceneritore che funge anche come pista da sci per Copenaghen. L'ultimo progetto dell'architetto mostra il lato giocoso della sostenibilità nel cuore della città. "Io lavoro con l'idea di sostenibilità edonistica, che è la sostenibilità che migliora la qualità della vita umana e il divertimento. Il fatto che Copenaghen è così pulita (si può effettivamente saltare in porto nell'acqua nel centro della città) è quasi un miracolo. La città è sostenibile, ma questo non deve essere sinonimo di fare molti sacrifici", ha spiegato Bjarke Ingels. L'inceneritore sarà l'edificio più alto di Copenaghen e invierà un anello di fumo gigante verso il cielo ogni volta che una tonnellata di CO2 viene rilasciata, al fine di ricordare ai residenti della città le emissioni di gas serra.

Tietgenkollegiet – Lundgaard & Tranberg Architects

Tietgenkollegiet è una residenza studentesca costruita nel nuovo quartiere di Ørestad, vicino al centro di Copenaghen. Con questo progetto del 2006 gli architetti danesi Lundgaard & Tranberg hanno reso possibile la realizzazione di un ‘dormitorio del futuro' attraverso una chiara e visionaria idea architettonica che ospita circa 400 studenti, e costituisce un progetto di riferimento internazionale. L'edificio ha una forma circolare ispirata alla tradizionale architettura meridionale cinese Hakka, e si sviluppa su 7 piani di altezza. Cinque linee verticali dividono l'edificio sia visivamente che funzionalmente in sezioni e servono come continui passaggi che forniscono l'accesso dall'esterno al cortile centrale e alle diverse zone del dormitorio. Il piano terra dispone di strutture comuni: una caffetteria, sale auditorium, di studio e computer, laboratori, lavanderia, musica e sale riunioni e parcheggio biciclette. Tutte le camere si affacciano dalla facciata principale e hanno una vista sui dintorni. Le cucine comuni / sale ausiliari, saloni e terrazze si trovano sulla corte centrale, che riunisce gli studenti residenti. Il suo concetto si concentra su come l'alloggio può contribuire a promuovere lo sviluppo personale e sociale degli studenti. Il cortile, intorno al quale tutte le aree comuni sono situate, rafforza l'idea di comunità. Consente inoltre il corridoio studente spesso monotono per diventare non solo spazialmente interessante ma senza fine, che collega tutti gli studenti ‘case' su ogni piano.

VM Houses – JDS (Julien De Smedt Architects)

Le case VM sono due blocchi residenziali disposti come le lettere V e M, progettati dallo studio JDS (Julien De Smedt Architects). I blocchi sono formati in modo tale da consentire la luce del giorno, la privacy e viste panoramiche sui campi circostanti. Tutti gli appartamenti hanno uno spazio a doppia altezza per le panoramiche nord e in largo a sud. La logica della lastra diagonale utilizzata in casa V è suddivisa in porzioni più piccole per la casa M. In questo progetto, la tipologia dell' Unité d ‘Habitation di Le Corbusier viene reinterpretata e migliorata; i corridoi centrali sono brevi e ricevono luce da entrambe le estremità, come fori di proiettile che penetrano l'edificio. Le Camere VM offrono più di 80 diversi tipi di appartamenti che sono a livello di programmazione flessibile e aperti alle esigenze individuali della vita contemporanea: un mosaico di diverse forme di vita.

Città delle Nazioni Unite – ONU

Un altro importante esempio di architettura sostenibile di Copenaghen è la Città delle Nazioni Unite. situato su un'isola artificiale a Marmormolen (Marble Pier) a Copenaghen, è un edificio verde che mira a riunire i sei organizzazioni delle Nazioni Unite con sede in Danimarca sotto un unico tetto. La Città delle Nazioni Unite, progettata da 3XN, si fonde con il grande sviluppo della zona Marmorrmolen comprendente un nuovo quartiere residenziale, un albergo nuovo ed edifici commerciali. La disposizione di tutti gli uffici è volto a promuovere interazioni e spazio individuale per il lavoro. L'edificio è stato progettato per ridurre al minimo l'uso di sostanze chimiche e inquinanti, sia durante la costruzione e l'utilizzo. L'intero edificio è completamente ventilato con aria esterna filtrata. Il tetto dell'edificio è rivestita con uno strato riciclabile bianco fatto da materiali di origine vegetale, che riflette la luce solare e riduce il riscaldamento solare nell'edificio. Il tetto è inoltre rivestito con più di 1.400 pannelli solari con una produzione di 297.000 kWh / anno, che hanno permesso all'edificio la certificazione verde LEED.

Ma Copenaghen è un modello per tante altre città del mondo per diversi aspetti riguardanti lo sviluppo urbano sostenibile, non solo l'architettura. Quando si visita Copenaghen, dunque, sono tanti i modi di essere eco-turisti e vivere la capitale nel rispetto dell'ambiente. Tra gli eventi segnaliamo il Festival del raccolto ad agosto, quando i giardini comuni della città, i produttori alimentari locali, i proprietari di giardini e gli agricoltori urbani invitano tutti i residenti e visitatori ad una festa gigantesca del raccolto nel cuore di Copenaghen. Le ambizioni ambientali della città si riflettono anche nella scena gastronomica della "filiera corta", ovunque nelle capitali gourmet scandinave. Con più del 60% del territorio in Danimarca riservato all'agricoltura, il cibo locale rappresenta la seconda natura per i Danesi, e un pilastro portante della cucina per una vasta gamma di ristoranti della città, tra i quali gli stellati Noma e Geranium, i pionieri del movimento della Nuova Cucina Nordica, basata su ingredienti locali e di stagione.

Anche gli hotel a Copenaghen sono fortemente orientati al green e più della metà degli hotel in città adotta un piano ambientale che riguarda acqua, lavanderia, pulizie, rifiuti, consumo di energia, cibo, fumo e riscaldamento. Infatti, il 63% delle camere d'hotel a Copenaghen sono certificate dal punto di vista ecologico. L'hotel simbolo di questa tendenza di alloggi green a Copenaghen è il Crowne Plaza Copenhagen Towers, con ben 25 piani lussuosi ed ecosostenibili. Recentemente Copenaghen è anche stata dichiarata la “città ufficiale della bici”: sono stati contati fino a 40.000 ciclisti al giorno e gli oltre 160 km di piste ciclabili, spingono quotidianamente il 55% degli abitanti a muoversi sulle due ruote. Anche i turisti possono saltare in sella a una bici e scoprire la città seguendo i diversi tour organizzati, come i Bike Mike Tours, Cycling Copenhagen e le escursioni con gps con Bike the City. Dunque cosa aspettate ancora per prenotare un viaggio nella "Città più vivibile del mondo"?