Gli atleti della Hanwha Eagles, squadra di baseball sudcoreana, possono contare su tifosi decisamente particolari: una serie di robot seduti sugli spalti, una nuova legione di tifosi ‘robotici' progettata per permettere alle persone di guardare a casa le partite ma partecipare ugualmente in diretta. Ufficialmente conosciuti come "fanbot", i robot tifosi occupano tre file della squadra allo stadio e mantengono cartelli con LED incorporati per mostrare i messaggi del pubblico alla squadra.

Non è facile essere un tifoso degli Hanwha Eagles. Negli ultimi cinque anni, hanno sofferto più di 400 sconfitte, così tante che la squadra è stata soprannominata ‘i polli della Hanwha' e  i tifosi della squadra, con un certo grado di simpatia, hanno guadagnato il soprannome di ‘santi buddisti'. Così ben presto i sostenitori della squadra hanno iniziato a disertare lo stadio facendo crollare ulteriormente il morale del team. Ma adesso coloro che non possono andare allo stadio a sostenere la propria squadra hanno la possibilità di avere un robot che si sostituisce ad essi. I fanbot possono rallegrare, cantare ed eseguire una ola, ma presumibilmente non invaderanno mai il campo. Oltre ad essere in grado di controllare alcuni movimenti del robot, i tifosi possono, acquistando un abbonamento, caricare il proprio volto sullo schermo del robot. "Oltre ai soliti messaggi di sostegno come ‘Go Eagles!', o, ‘ Ti amo, Eagles!', i robot indossano camice uniformi e jeans, possono inoltrare messaggi di testo inviati dai tifosi all'interno del parco o all'esterno. I sostenitori della squadra possono anche mostrare la propria faccia sullo schermo del robot, aggiungendo più divertimento al gioco". Un tifoso – Kim Seung-bi – ha detto: "Mi piace il fatto che posso inviare messaggi anche quando non sono sul campo da baseball e guardare invece la partita in TV, sono fiero di essere un fan degli Eagles. Il club ha aperto anche la strada al primo cheerleading tutto digitale al mondo".