Ogni anno l'industria delle bevande genera 17 milioni di tonnellate di plastica in tutto il mondo. Spesso questi rifiuti finiscono in mare epossono causare un grave rischio per l'ecosistema marino. Corona lancia così un modo innovativo e soprattutto eco-sostenibile per evitare gli imballaggi di plastica. La famosa birra, perfetta con sale e limone, ha creato la lattina Corona Fit Packs che si avvita, in collaborazione col designer Leo Burnett: "Abbiamo progettato un sistema impilabile che avvita fino a dieci lattine insieme, utilizzando solo il loro design, senza la necessità di alcun materiale aggiuntivo. Il sistema di assemblaggio si collega nella parte inferiore e superiore di ogni lattina, quindi le lattine possono essere avvitate l'uno nell'altro e creare pile. È un'innovazione che può essere scalata a livello globale, risolvendo il problema della plastica".

La Corona Fit Packs è un'originale lattina in grado di avvitarsi. In questo modo le lattine si posso impilare evitando l'utilizzo di qualsiasi imballaggio di plastica o altro materiale inquinante. Molte marche di birra hanno provato nel tempo a sostituire l'imballaggio di plastica dannoso, che risulta pericolo soprattutto per i pesci, ma la maggior parte degli sforzi non sono mai stati redditizi quando si è è trattato di produzione su larga scala. Corona in collaborazione col designer Leo Burnett ha lanciato la prima lattina Fit Packs che rinuncia ad ogni imballaggio grazie ad un sistema di avvitamento superiore ed inferiore che permette di impilare le lattine.

Corona Fit Packs attualmente è un progetto pilota lanciato in Messico ma l'obiettivo è di estendere i Fit Pack a ogni Corona in tutto il mondo e persino ad altri marchi. Il primo obiiettivo è stato rivolto a migliorare l'ecosistema della Grande barriera corallina dei Caraibi messicani, che è la seconda barriera corallina più grande del mondo, dopo la Grande Barriera in Australia, perché "spiagge e oceani devono essere alla portata di tutti". Corona Fit Packs fa parte di un programma di Grupo Modelo, proprietario di Corona, di salvaguardia dell'ecosistema più ampio. Circa sette mesi fa l'azienda ha lanciato un anello fatto di materiale biodegradabile di origine vegetale, proprio per evitare rifiuti.