Paimio Sanatorium by Alvar Aalto in Finland
in foto: Paimio Sanatorium by Alvar Aalto in Finland

"Lo scopo primario dell'edificio è di funzionare come uno strumento medico … Uno dei requisiti di base per guarire è quello di offrire una pace completa …. Il disegno delle stanze è definito in base alle forze limitate del paziente, sdraiato a letto. Il colore del soffitto è scelto per dare tranquillità, le fonti di luce sono al di fuori del campo visivo del paziente, il riscaldamento è orientato verso i suoi piedi e l'acqua esce dai rubinetti senza fare rumore, per far sì che nessun disturbi il proprio vicino", così Alvar Aalto descriveva il suo sanatorio di Paimio nell'omonima città finlandese dove per la prima volta sono state sperimentate una serie di soluzioni architettoniche volte a difendere l'uomo ed aiutarlo nella degenza della malattia. Oggi, con il diffondersi del Coronavirus, l'esistenza di spazi ed elementi adeguati ad arginare l'epidemia sembra essere una necessità impellente. Così Lindsay Tan, professore associato e coordinatore del programma di interior design presso il Auburn University College of Human Sciences ha scritto un articolo per spiegare come la progettazione di determinati luoghi possa influenzare la trasmissione della malattia.

Tutti lavorano in questi giorni per contenere la diffusione del Coronavirus: lo fanno i medici che intervengono sul campo e provano ad arginare i contagi, le autorità di controllo che cercano di evitare che la situazione possa peggiorare, i giornalisti che hanno il compito di informare al meglio sulla situazione, il singolo cittadino che si impegna ad evitare certi comportamenti errati, etc. In questa situazione di emergenza ognuno può e deve dare il suo contributo. Così Lindsay Tan, professore associato e coordinatore del programma di interior design presso il Auburn University College of Human Sciences, ha scritto un testo in cui parla di come la progettazione di determinati luoghi possa influenzare la trasmissione della malattia. Come infatti dall'Ottocento venivano costruiti i sanatori per i malati cronici, come di tubercolosi, dove si poteva trovare sollievo contro i propri dolori, oggi, ai tempi del Coronavirus, è fondamentale disporre di ambienti interni in grado di proteggere la nostra salute riducendo la trasmissione di agenti patogeni.

Lindsay Tan, a capo del Design Ecology Lab e del neo-istituito College of Human Sciences Pathogen Lab, in un articolo pubblicato sul sito dell'Auburn University College of Human Sciences, ha dichiarato che esistono elementi di design che possono aiutare a contenere l'epidemia da Coronavirus. La professoressa ci fornisce un caso di studio su come l'ambiente costruito – ospedali, aerei, navi da crociera – svolga un ruolo centrale nell'epidemia. Nel suo libro sul coronavirus COVID-19 Tan spiega perché l'interior design ha un ruolo importante nella prevenzione delle malattie:

Trascorriamo oltre il 90 percento del nostro tempo al chiuso. La nostra salute è influenzata da tutto ciò che tocchiamo in questi ambienti interni. I patogeni che causano la malattia possono essere trasferiti da persona a persona, ma anche attraverso oggetti di uso quotidiano: le sedie della sala d'attesa presso l'ufficio del medico, la maniglia della porta per la sala di lavoro al lavoro, gli appunti sono passati in giro per un evento di volontariato. Essere esposti a virus e batteri comuni in questo modo può aiutare a rafforzare il nostro sistema immunitario. Quando si tratta di malattie più gravi, tuttavia, è fondamentale disporre di ambienti interni in grado di proteggere la nostra salute riducendo la trasmissione di agenti patogeni.

Cosa stiamo imparando sul ruolo del design nell'attuale epidemia di coronavirus?

I coronavirus sono una grande famiglia di virus. Alcuni possono causare malattie familiari come il comune raffreddore, ma alcuni possono anche causare malattie più gravi come la SARS – Sindrome respiratoria acuta grave. L'attuale epidemia di coronavirus è causata da un membro di questa famiglia che non abbiamo mai visto prima, e ciò significa che non abbiamo necessariamente tutte le risposte su come si comporta questo nuovo virus. Sulla base di ciò che sappiamo finora, uno dei modi in cui il virus può essere diffuso è toccando le superfici contaminate. Tocciamo molte superfici nella nostra vita quotidiana e i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, o CDC, stanno avvisando il pubblico di seguire alcune pratiche di buonsenso come lavarsi le mani ed evitare di toccare occhi, naso e bocca.
I designer svolgono anche un ruolo chiave in epidemie come questa. Alcuni materiali trasferiscono i patogeni in modo più efficace di altri. Alcuni materiali sono persino intrinsecamente antimicrobici, il che significa che possono indebolire o uccidere l'organismo che causa la malattia prima che possa infettare chiunque. Le misure di biosicurezza durante un focolaio come quello che stiamo vedendo ora faranno uso di materiali antimicrobici, dispositivi di protezione individuale, procedure di pulizia approfondite e una gestione attenta dei rifiuti per ridurre il rischio di diffusione del virus.

Puoi darci un esempio specifico del ruolo degli interni nello scoppio?

Diamond Princess è una nave da crociera di lusso britannica che è stata messa in quarantena il 5 febbraio, insieme a quasi 3.700 passeggeri e membri dell'equipaggio, in un molo a Yokohama, in Giappone. Le camere delle navi da crociera sono relativamente piccole; le sale interne della Diamond Princess sono pubblicizzate in dimensioni da circa 158 a 162 piedi quadrati – che è solo un po ‘più grande di quattro bagni accessibili ai disabili per una persona sola – ma con tutti i comfort che ci si aspetterebbe in una camera di lusso. Sono molte le superfici da pulire in uno spazio molto piccolo. E quando qualcuno in quella stanza è malato, stanno respirando, starnutendo e tossendo su tutte quelle superfici.
Nelle stanze degli ospedali, che sono anche relativamente piccole, i progettisti di interni scelgono materiali che possono essere facilmente puliti e sterilizzati – materiali come pavimenti in lamiera vinilica con bordi laminati, ripiani laminati e lavelli in acciaio inossidabile con scarichi sfalsati. Abbiamo anche protocolli di pulizia molto più rigorosi. Negli spazi progettati per gestire le malattie infettive, installiamo persino sistemi specializzati di filtrazione dell'aria e pressurizzazione per garantire che gli agenti nocivi non possano spostarsi da una stanza all'altra.
Su una nave da crociera, tuttavia, il personale non è necessariamente addestrato con gli stessi protocolli di biosicurezza. Gli interior designer scelgono i materiali per la loro durabilità e il loro aspetto estetico e non necessariamente per le proprietà antimicrobiche. Alcuni tappeti e tessuti possono essere sterilizzati, sì, ma quelli selezionati per uno spazio di ospitalità di lusso non sono necessariamente gli stessi che sceglieremmo se progettassimo specificamente per proteggere dagli agenti infettivi. Il sistema di filtrazione dell'aria e il sistema di gestione dei rifiuti su una nave da crociera non sono progettati per fare ciò che possono fare i sistemi specializzati negli ospedali. In sostanza, a Diamond Princess e al suo equipaggio viene chiesto di fornire tutti i servizi di una lussuosa esperienza di una nave da crociera e di svolgere tutte le funzioni di un reparto di isolamento in un ospedale – in uno spazio che non è mai stato progettato per funzionare in quel modo.
Questo caso serve a ricordarci perché gli interior designer e altri professionisti dell'ambiente costruito – designer di abbigliamento, designer di architettura e designer di prodotti – devono sempre guardare oltre l'ovvio, per anticipare i rischi e rispondere alle minacce attraverso progetti migliori che proteggano in modo proattivo la nostra salute e sicurezza .