Copiati, trasformati, usati e osannati, i loghi delle aziende più famose del mondo, dalla Nike al McDonald's, rappresentano uno status symbol, sono espressione della nostra società. Ogni giorno siamo circondati e bombardati di loghi, su abiti, scarpe, borse e altro ancora. Ma che succede se quegli stessi loghi vengono usati per rappresentare un'azienda di armi? È l'esperimento fatto dall'artista Tom Galle che ha creato una collezione di armi tramutando i loghi delle aziende più famose: il simbolo della Nike è diventato un coltello, la M di McDonald's è stata trasformata in una cazzottiera,e molto altro ancora.

L'artista Tom Galle è noto per la sua arte provocatoria, il suo bersaglio preferito è la cultura pop e i loghi delle aziende più famose al mondo sono la massima espressione della società pop. Sin da Andy Wharol, con la scatola di pomodori Campbell, la cultura pop è un soggetto privilegiato dell'arte ma nell'opera di Tom Galle diventa una vera e propria produzione e interpretazione di "armi di distruzione di massa". Per questa collezione Corp Gear, armi fatte coi loghi delle più famose aziende, l'artista di New York si è aggiudicato un certo numero di premi. I loghi che tutti i giorni vediamo riportati ovunque, dalle scarpe alle maglie, dai cartelloni pubblicitari alla tv, sono trasformati in oggetti che spaventano le persone.

La società ama i loghi: Corp Gear utilizza i simboli della società consumistica per creare delle vere armi come coltelli, articolazioni in ottone e anche stelle di lancio. Gli archi d'oro di McDonald's si trasformano in bracciali d'ottone, l'icona di Facebook è un barra di gomma adatta a difendersi dagli attacchi. Non si sa se questa collezione di armi sia stata creata per simboleggiare l'influenza negativa che le grandi aziende hanno sulla società, come fossero armi, di certo però il lavoro di Tom Galle fa riflettere.