Nel corso della storia ogni Esposizione Universale è sempre stata caratterizzata da un proprio monumento simbolo. Fu così, ad esempio, nel 1889 a Parigi con la Tour Eiffel, divento simbolo iconico dell'Esposizione Universale di quell'anno e della città intera in futuro. In Italia il simbolo di Expo Milano 2015 sarà L'Albero della Vita. L'opera iconica rappresenterà la Natura Primigenia ed la molteplicità, complessità dei saperi, usi e tradizioni del territorio italiano.

Quando Chris Wilkinson per puro caso ha visto il progetto de L'albero della Vita, subito ha riconosciuto un forte somiglianza con u progetto da lui realizzato a Singapore: i Supertrees dei Gardens by the Bay, superalberi pluripremiati, conosciuti dagli architetti di tutto il mondo. Per questo motivo l'architetto inglese crede che sia impossibile che l'ideatore del simbolo di Expo 2015 non avesse mai visto i famosi alberi di Singapore e che il progetto italiano è troppo simile per essere u fatto casuale. Wilkinson ha quindi dichiarato di volersi consultare con i legali del suo studio per tutelare la proprietà d'idea. Anche alcuni architetti italiani concordano con il parere di Wilkinson, come il milanese Alessandro Zoppini, progettista di grandi impianti come quelli delle Olimpiadi di Torino e Sochi, che al Corriere della Sera dichiara: «Tecnicamente il progetto dell’Albero della vita è una palese riproposizione di quello di Singapore. Ormai siamo noi a copiare dai Paesi asiatici».

I Supertrees in questione a prima vista potrebbero sembrare similari al progetto dell'Albero della Vita, ma l'opera pluripremiata è un giardino di 18 giganteschi alberi di 50 metri di altezza, fatti in acciaio e materiali eco-sostenibili, rivestiti da più di 160mila piante. La loro chioma, che cambia colore con le stagioni, è caratterizzata da pannelli fotovoltaici e serbatoi d'acqua piovana, e sulla sommità accolgono bar panoramici. L'albero della vita invece sarà un unico elemento simbolo che sorgerà al centro della Lake Arena (circa 90 metri di diametro) in cui darà vita a suggestivi giochi d’acqua, suoni e luci. Ispirato al disegno stellare della pavimentazione di Michelangelo Buonarroti per la piazza del Campidoglio, L'Albero della vita sarà alto circa 35 metri e realizzato in cemento e legno lamellare: una costruzione ricca di tecnologia ed interattiva che doveva difendere il Made in Italy dai falsi in giro per il Pianeta; ma a questo punto, sebbene la controversia legale ancora non ha fatto il suo corso, sembra essere l'ennesima canzonatura dell'Italia agli occhi del mondo.